Serie A2 – La migliore Assigeco Piacenza della stagione affonda la Vanoli e trova la quarta vittoria consecutiva

assigeco piacenza

Difficile immaginare un migliore inizio di girone di ritorno per l’Assigeco Piacenza, capace di imporsi sulla corazzata Vanoli Cremona Basket tra le proprie mura di casa. I biancorossoblu infilano quindi la quarta vittoria consecutiva e regalano ai tifosi la gioia di una vittoria di eccezionale importanza prima della pausa per le feste natalizie.

Nonostante quanto il punteggio possa suggerire il match è stato combattuto ed equilibrato fino al quarto quarto, in cui è arrivato l’allungo decisivo sotto i colpi del solito Kameron McGusty, ancora una volta mattatore di serata e autore di un season-high da 31 punti. Protagonisti anche Skeens –  12 punti e 16 rimbalzi – e Cesana – 16 punti in uscita dalla panchina – in una notte in cui l’Assigeco riesce a limitare gli avversari al 17% da tre e a vincere la lotta sotto i tabelloni per 35 rimbalzi a 30.

Ora ci sarà modo di festeggiare la prestigiosa vittoria e di preparare la prossima partita. I biancorossoblu saranno ospiti il 4 gennaio della Novipiù Monferrato Basket in una insidiosa trasferta fondamentale per proseguire la corsa playoffs.

Assigeco Piacenza – Vanoli Basket Cremona 85-66

(13-14; 30-15; 15-24; 27-13)

Assigeco Piacenza: Sabatini 14. McGusty 31, Gajic 4, Skeens 12, Miaschi 0, Cesana 16, Pascolo 8, Soviero 0, Varaschin NE, Gherardini NE, Franceschi NE. All.: Salieri

Vanoli Basket Cremona: Denegri 11, Alibegovic 4, Eboua 2, Cannon 16, Tabu 11, Caroti 9, Mobio 6, Piccoli 3, Gallo 0, Ndzie 4, Vecchiola NE, Zacchigna NE. All.: Cavina

Le parole di Salieri a fine partita

“Penso che la partita sia stata lo specchio della squadra in questo periodo, i ragazzi sono andati in campo con la testa libera e con la convinzione di fare bene. La partita l’abbiamo improntata come volevamo, faccio i complimenti ai ragazzi perché hanno rispettato alla perfezione il piano partita. La fase difensiva è stata la chiave della partita, volevamo essere molto aggressivi sui cambi perché la stazza di Cremona è imparagonabile alla nostra e non potevamo facevamo arrivare palla vicino a canestro.

Abbiamo quindi ribaltato questo svantaggio andando sui ritmi, sulle velocità ed aumentando l’aggressività. Nessuno si è risparmiato, tutti hanno dato qualcosa per cui faccio i complienti a tutti. Stasera abbiamo avuto anche un grande pubblico, la cosa mi ha fatto molto piacere”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank