Troppa Udine per l’Assigeco Piacenza: al PalaBanca finisce 62-84

assigeco piacenza

Inizio duro ma pieno di significato per l’Assigeco che, pur senza Carr, regala sprazzi di buon gioco evidenziando una buona attitudine difensiva e lo spirito di gruppo necessario a ritagliarsi un ruolo interessante in campionato. Il verdetto finale suona pesante nei confronti dei biancorossoblu bravi a tenere l’equilibrio del primo periodo e vincere il terzo (18-17 il parziale) ma costretti a cedere il passo nella seconda metà del secondo quarto con Udine che prende decisamente l’inerzia (break di 3-15) pagando la fatica nell’ultima frazione sotto il massimo vantaggio ospite (47-69 al 3’) senza però mai perdere voglia e determinazione.

blank

La cronaca

L’Assigeco fa leva sulla vitalità di Gherardo Sabatini e “Dada” Pascolo per dare continuità alla propria azione. Luca Cesana è in crescita, Tommaso Guariglia lotta in area spalleggiato da Lorenzo Galmarini mentre Nema Gajic va un po’ sull’altalena del rendimento e Gabe Devoe non riesce a bissare in attacco il gran lavoro difensivo.

L’esordio contro la straordinaria fisicità e il talento conditi dalla valida organizzazione di gioco di Udine ha messo in difficoltà i ragazzi di Stefano Salieri. Dopo il botto in avvio (5-0 in 1’) i biancorossoblu cominciano ad assaggiare i muscoli avversari (13-14 all’8) solidi a rimbalzo e precisi dall’arco soprattutto con Cappelletti e Giuri.

Due lunghi complementari come Walters e Pellegrino aprono spazi ai compagni: Lautier e Nobile sfruttano anche l’esperienza di Antonutti per volare nel secondo periodo aperto con un break di 0-10 in 2’: 26-30 al 5’, 29-45 al 10’.

La coppia Pascolo, Sabatini da spettacolo nel terzo periodo con qualche giocata in campo aperto nata anche da recuperi difensivi (40-50 al 6’) ma Udine trova costantemente le soluzioni giuste per respingere ogni tentativo dell’Assigeco: 44-62 al 9’.

Giocare contro l’atletismo avversario drena energie a ogni possesso. L’Assigeco scivola in avvio di ultimo quarto sul massimo vantaggio di Udine (47-69 al 3’) iniettando comunque energia in difesa (56-71 al 5’) per poi dare spazio al proprio poker di 20enni negli ultimi giri di lancette sulla chiusura del sipario da parte degli ospiti.

UCC ASSIGECO PIACENZA           62                                                                

APU OLD WILD WEST UDINE       84

(16-18; 29-45; 47-62)

UCC ASSIGECO PIACENZA: Sabatini 12 (3/6, 1/4), Devoe 9 (1/3, 2/5), Cesana 10 (2/5, 2/5), Pascolo 12 (4/6, 1/3), Guariglia 6 (1/3, 1/1); Gajic 7 (2/4, 1/4), Deri 4 (1/2, 0/1), Galmarini 2 (1/3, 0/2), Seck, (0/1 da due) Querci. Ne: Gherardini

All.: Stefano Salieri (assistenti: Gabriele Grazzini, Fabio Farina)

APU OLD WILD WEST UDINE: Cappelletti 19 (4/5, 3/5), Lautier 10 (4/5, 0/2), Italiano 5 (1/1, 1/4), Antonutti 7 (1/4, 1/2), Walters 7 (3/5 da due); Giuri 17 (2/5, 4/4), Pellegrino 10 (2/2 da due), Nobile 9 (1/3, 2/4), Esposito (0/1, 0/1), Ebeling (0/1 da tre)

All: Matteo Boniciolli (assistenti: Carlo Finetti, Carlo Campigotto)

Dati statistici

Tiri liberi: Assigeco 8 su 13, Old Wild West 15 su 18

Tiri da tre: Assigeco 8 su 25, Old Wild West 11 su 23

Rimbalzi: Assigeco 26 (Sabatini 6), Old Wild West 36 (Walters 8)

Assist: Assigeco 16 (Sabatini 8), Old Wild West 16 (Antonutti 4)

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank