Valtidone Wine Fest smart edition, a Trevozzo un fine settimana da de.co. più

blank
blank

L’edizione 2020 del Valtidone Wine Fest, ribattezzata quest’anno con il termine “Smart”, intelligente, ha vissuto la sua seconda e ultima tappa nella piazza di Trevozzo, nel comune di Alta Val Tidone. Nell’ultimo fine settimana a trionfare sono stati i vini passiti e frizzanti della valle e le eccellenze gastronomiche de.co. del territorio.

blank

Un ricco calendario di eventi, quello proposto dall’Amministrazione comunale e dai volontari delle associazioni locali; un calendario che ha saputo in due giorni regalare ai tanti visitatori, molti anche da fuori provincia, angoli gustosi e affascinanti del territorio. A partire dalla cucina e dalle sue tradizioni, anzi dalle sue de.co, le denominazioni comunali che sono state protagoniste nei piatti della cena organizzata sulla piazza di Trevozzo e nelle parole degli illustri ospiti della tavola rotonda condotta dall’ospite d’onore del week-end, il giornalista Edoardo Raspelli.

blank

Accompagnato da Francesca Buonaccorso, Miss senza trucco 2019, il cronista della gastronomia ha introdotto gli interventi di Michele Mauro dell’Accademia della cucina piacentina; Riccardo Lagorio, esperto di de.co; Giorgio Lambri, giornalista e scrittore, autore del libro “Non solo Gutturnio” dedicato ai vini piacentini.

blank

“Le de.co. – hanno sottolineato – sono una fondamentale tutela dei prodotti e dei saperi tradizionali del territorio; ma anche un efficace strumento di promozione”.

Ad accompagnare piatti come il batarò di Trevozzo, il risotto con il tartufo nero di Pecorara, la treccia di pane e la coppa arrosto di Genepreto o, ancora, la patata di Busseto, sono stati i vini del Valtidone Wine Fest-Smart Edition. Più di una quindicina le cantine e aziende vitivinicole presenti che hanno potuto far degustare le migliori referenze; a partire dai passiti e dai frizzanti del territorio. Le degustazioni sono proseguite per tutta la domenica, grazie alla presenza dei produttori e di sommelier professionisti, e hanno accompagnato l’ormai tradizionale contest di cucina dedicato al buslàn, ciambellone tipico della zona.

Una vetrina per il territorio

“Abbiamo messo in vetrina il nostro territorio – ha commentato un soddisfatto Sindaco di Alta Val Tidone, Franco Albertini – ed era l’obiettivo per il quale abbiamo deciso di proporre anche quest’anno la rassegna del Valtidone Wine Fest e le altre iniziative collaterali, nel rispetto delle normative di sicurezza dettate dall’emergenza. Era un modo per dare un segnale di speranza al territorio e alle sue aziende e riaccendere i riflettori sulla nostra vallata e le sue eccellenze. Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione dell’evento, a partire dai volontari e dagli sponsor e i dipendenti del Comune. Un grazie speciale a Edoardo Raspelli che, insieme a Francesca Buonaccorso, ha abbracciato il nostro territorio contribuendo a farlo conoscere fuori dai nostri confini. E grazie agli amici Michele Mauro, Riccardo Lagorio e Giorgio Lambri che hanno compreso lo spirito di questa rassegna portando un importante contributo storico e culturale su ciò che il nostro territorio è e può esprimere”.

Il Valtidone Wine Fest-Smart Edition 2020, promosso dalle Amministrazioni di Borgonovo e Alta Val Tidone, con il patrocinio della Provincia di Piacenza e la sponsorizzazione della Banca di Piacenza, chiude così i battenti di un’edizione sicuramente particolare che ha mantenuto lo spirito di vetrina delle eccellenze del territorio a partire dai suoi vini e dalla produzione vitivinicola che è spina dorsale e motore socio-economico della valle.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank