Baby gang e bullismo, la proposta della Lega alla Regione: “Progetti di prevenzione e contrasto, investimento da 300 mila euro”

 La Regione, le cronache dei giornali e i dati di ricerca ripropongono in maniera drammatica l’incremento dei comportamenti legati ai fenomeni baby-gang, bullismo e cyberbullismo tra i giovanissimi, fenomeno aggravatosi anche a causa dell’attuale emergenza pandemica. 

blank

Una situazione divenuta allarmante, per contrastare la quale il gruppo Lega Emilia- Romagna ha presentato oggi, nel corso di una conferenza stampa in Regione, il Progetto di Legge “Disciplina degli interventi regionali in materia di prevenzione e contrasto al fenomeno del bullismo e del cyberbullismo”, atto di indirizzo che consta di 8 articoli. 

“Questa proposta di indirizzo – spiega la relatrice del Progetto di Legge Valentina Stragliati – intende sollecitare la Giunta regionale ad affrontare il problema una volta per tutte, valutandolo in tutta la sua complessità per trovare risposte attuali e concrete a un fenomeno divenuto ormai intollerabile per la frequenza con la quale si sta riproponendo. Chiediamo pertanto alla Regione di destinare, tanto per iniziare, una copertura finanziaria pari a 300mila euro per la promozione di iniziative e progettualità destinate a prevenire e contrastare i fenomeni di bullismo e cyberbullismo tra i minorenni emiliano-romagnoli, nonché per la realizzazione di progetti per la presa in carico delle vittime e dei precorsi riabilitativi destinati agli autori”. 

Secondo i risultati statistici contenuti all’interno di un report diffuso dall’Istat nel dicembre del 2015, più del 50% degli intervistati 11-17enni riferisce di essere rimasto vittima, nei 12 mesi precedenti l’intervista, di un qualche episodio offensivo, non rispettoso e/o violento. Una percentuale significativa, quasi uno su cinque (19,8%), dichiara di aver subito azioni tipiche di bullismo una o più volte al mese. In circa la metà di questi casi (9,1%), si tratta di una ripetizione degli atti decisamente asfissiante, una o più volte a settimana. Le ragazze presentano una percentuale di vittimizzazione superiore rispetto ai ragazzi. Oltre il 55% delle giovani 11-17enni è stata oggetto di prepotenze qualche volta nell’anno mentre per il 20,9% le vessazioni hanno avuto almeno una cadenza mensile (contro, rispettivamente, il 49,9% e il 18,8% dei loro coetanei maschi). Il 9,9% delle ragazze subisce atti di bullismo una o più volte a settimana, contro l’8,5% dei maschi. 

La percentuale di soggetti che ha subito prepotenze una o più volte al mese diminuisce al crescere dell’età passando dal 22,5% fra gli 11 e i 13 anni al 17,9% fra i 14 e i 17 anni. 

Secondo i dati pubblicati dalla società italiana di pediatria preventiva e sociale del 2020 oltre il 50% dei ragazzi tra gli 11 e i 17 anni ha subito episodi di bullismo e tra chi utilizza quotidianamente (85,8%) il cellulare ben il 22,2% riferisce di essere stato vittima di cyberbullismo. 

Dai risultati di una ricerca effettuata dall’Associazione Di.Te., assieme a Skuola.net e all’Università Politecnica delle Marche, in occasione della IV Giornata sulle Dipendenze Tecnologiche emerge inoltre che il 77% – di più di 3mila studenti tra gli 11 e i 19 anni – vorrebbe approfondire l’educazione digitale. Perché i rischi sono dietro l’angolo. E con la Dad i bulli hanno anche più occasioni: 2 intervistati su 5, ad esempio, hanno assistito a prese in giro nei confronti degli insegnanti; 1 su 5 verso altri compagni. 

Inoltre, da un’indagine condotta dall’Associazione Nazionale Dipendenze tecnologiche, GAP e cyberbullismo – in collaborazione con il portale Skuola.net e con VRAI (Vision, Robotics and Artificial Intelligence – Dipartimento di Ingegneria Informatica dell’Università Politecnica delle Marche) – su un campione di 3.115 studenti di età compresa tra gli 11 e 19 anni, in occasione della IV Giornata Nazionale sulle dipendenze tecnologiche, GAP e Cyberbullismo di sabato 28 novembre 2020, emerge come siano gli studenti a richiedere l’attivazione di progetti di educazione digitale a scuola. 

Al 77% degli intervistati, infatti, piace l’idea di poter studiare e conoscere sempre meglio la complessità di questa materia. Oltre il 60% vorrebbe un’App che consenta di capire se sta usando lo smartphone nel modo corretto. 

“Il bullismo è una piaga sociale che va arginata e combattuta con tutte le risorse a disposizione. Nell’ultimo anno troppe volte le cronache locali ci hanno raccontato le efferatezze messe in atto da baby-gang che seminano il terrore nelle nostre città. La Lega è da sempre accanto ai cittadini nel contrasto a ogni forma di violenza e sensibile ai temi della sicurezza, del bullismo e del cyberbullismo e ha predisposto un piano di azioni concrete per debellare questo odioso fenomeno” ha concluso il capogruppo della Lega Er, Matteo Rancan. 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank