Come comportarsi in caso di emergenza? Buone pratiche di protezione civile con l’iniziativa “Io non rischio” – FOTO

Piacenza 24 WhatsApp

La dodicesima edizione di Io non rischio si è svolta sabato 15 e domenica 16 ottobre nelle piazze di tutta Italia, Piacenza inclusa. In circa 600 Comuni, i volontari di protezione civile appartenenti a oltre 700 Organizzazioni – tra gruppi comunali, associazioni territoriali e sezioni locali di associazioni nazionali – hanno incontrato i cittadini per informarli sui rischi che interessano il territorio e sulle buone pratiche da adottare in caso di alluvione, maremoto e terremoto.

Casa di Cura

Io non rischio è una campagna di comunicazione permanente e vive tutto l’anno sui social network: anche nelle piazze digitali delle associazioni che partecipano alla campagna, i volontari sono pronti a incontrare i cittadini per contribuire alla diffusione della cultura della prevenzione e della riduzione del rischio.

L’auditorium Sant’Ilario ha ospitato due convegni dedicati proprio al tema.

Diffondere la cultura della prevenzione e la conoscenza delle buone pratiche di protezione civile accrescendo al contempo la consapevolezza dei rischi naturali presenti sul nostro territorio. Questi gli obiettivi di “Io non rischio”.

Casa di Cura

Una due giorni che ha visto l’impegno dei nostri volontari, al fianco delle istituzioni e del mondo della ricerca scientifica, nei punti informativi “Io non rischio”, per sensibilizzare i cittadini sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sul maremoto. Fondamentale per la Campagna è il ruolo attivo dei cittadini che hanno potuto informarsi e confrontarsi nelle piazze fisiche e digitali dove, con l’ausilio di contenuti interattivi e dirette streaming sui social media, si sono forniti spunti e approfondimenti sui rischi e sui comportamenti utili da adottare per proteggere sé stessi e l’ambiente in cui si vive.

Radio Sound
blank blank