Canottieri Ongina, si cerca il riscatto al PalaRaschi di Parma

canottieri ongina

Sabato alle 18 sfida contro la Wimore Energy, reduce da due vittorie mentre i Canottieri Ongina arrivano da altrettanti ko. La guida al match

blank

Una sfida delicata e suggestiva allo stesso tempo, inseguendo la prima vittoria stagionale. Dopo il PalaPanini di Modena all’esordio, sarà un altro luogo storico della pallavolo italiana, il PalaRaschi di Parma, il teatro delle sfide della Canottieri Ongina, in campo domani (sabato) alle 18 in terra ducale sfidando la Wimore Energy nella terza giornata del girone E1 di serie B maschile.

In casa piacentina, forte è il desiderio di riscatto dopo le due sconfitte che hanno caratterizzato il ritorno in campo dopo quasi un anno. A Modena era arrivato un ko al tie break con il rammarico di esser stati avanti 2-0 contro i giovani “canarini”, mentre sabato scorso la squadra di Mauro Bartolomeo ha ceduto 3-1 in casa contro lo Stadium Mirandola, offrendo una prova opaca e perdendo anche per infortunio alla caviglia lo schiacciatore Nicola Amorico.

L’esperto martello sarà fuori causa al PalaRaschi. Il tecnico cremonese che dovrà ridisegnare il sestetto.

“Fortunatamente gli esami strumentali hanno escluso fratture e interessamenti di legamenti, quindi penso che i tempi di recupero siano intorno alle 2-3 settimane. Per sostituire Amorico il ballottaggio è tra Perodi e Msatfi: entrambi son molto ordinati in seconda linea e davanti hanno un peso abbastanza omogeneo, pur con il primo più tecnico e il secondo più esplosivo. Dal canto suo, invece, Parma sta giocando molto bene, viene da due vittorie, mentre noi da due sconfitte e gli stati d’animo sono contrapposti. Mi aspetto una reazione da parte della squadra, in primis caratteriale: quelli mostrati non sono i livelli di gioco che possiamo esprimere. Inoltre, tecnicamente abbiamo posto l’accento sull’incisività della battuta, un aspetto che con Parma sarà importante perché con palla in mano la Wimore Energy gira molto bene”.

La Wimore Energy è allenata da Alberto Raho. Tecnico con trascorsi anche in terra piacentina. Diversi i punti di riferimento nel roster ducale, con elementi di esperienza in varie parti del campo. Il regista Davide Quartarone, le bande Michele Grassano (anche ex Piacenza in A1) ed Emanuele Rodella e il centrale Andrea Miselli, che tre stagioni fa con Campegine eliminò la Canottieri Ongina dai play off.

“Mi aspetto una partita sulla falsariga degli allenamenti congiunti che abbiamo sostenuto con la Canottieri Ongina, ossia dove ci sono momenti dove una delle due squadre guida il gioco. Ovviamente mi auguro sia maggiormente la mia. Monticelli ha avuto due inciampi importanti e ha subìto anche l’infortunio di Amorico. Una formazione che ha diversi giocatori di livello che militano da anni in categoria. Mi aspetto una partita vera: nonostante i cinque punti in meno in classifica, sappiamo che la Canottieri Ongina non ci lascerà tranquilli. Il libero Cereda è una garanzia in seconda linea e nel complesso è una squadra che ci metterà in difficoltà con le rigiocate. Credo che li nostro muro possa essere una chiave importante della partita”.

Nelle fila della Wimore Energy Parma milita un ex di turno: Riccardo Ferrari Ginevra

“A Monticelli ho vissuto un anno speciale a livello umano. La Canottieri Ongina è una famiglia e ho mantenuto i rapporti con tutti. E’ stato bello condividere l’annata pallavolistica anche se si è conclusa forzatamente in anticipo a causa della pandemia. Nonostante il periodo difficile, Monticelli ha ottimi giocatori e ci aspetta una partita a sé, dove non conterà il divario in classifica: non dovremo abbassare la guardia. Mi aspetto che Parma metta concentrazione nei momenti difficili e rimanga sul pezzo tutta la partita senza accusare quei momenti-no che ci sono stati in entrambe le vittorie”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank