Cava di Albarola, Tarasconi (PD): “Con la procedura di Valutazione di impatto ambientale controlli molto più approfonditi che in passato”

«La cava-miniera di Albarola è impattante, imponente e deve essere monitorata da tutti gli enti preposti; Arpae, Sovrintentenza, Comuni… tutti. E la cittadinanza deve essere coinvolta».

blank

Commenta così la consigliera regionale del Pd Katia Tarasconi la questione sollevata dal “gruppo di cittadini per la difesa ambientale della media Val Pure” che ha depositato una petizione in Regione con la quale viene messa sotto la lente la nuova concessione mineraria per l’estrazione di marna grazie alla quale la Buzzi-Unicem espande l’area di cava che tocca i comuni di Vigolzone e Rivergaro. Concessione che è sottoposta alla procedura di VIA (Valutazione di impatto ambientale) condotta dall’Arpae.

«Con questa nuova procedura cambia la musica!» prosegue Tarasconi riferendosi al fatto che le prime concessioni per miniere come quella di Albarola erano regolate addirittura da regi decreti. Parliamo di un’epoca fa, un’epoca in cui la stessa sensibilità sui temi ambientali era ben diversa da quella attuale. «Siamo nel 2021 e le cose sono cambiate – sottolinea la consigliera dem – Grazie alla procedura di Valutazione di impatto ambientale i controlli sono e saranno più approfonditi e continui, i lavori di ripristino eseguiti per step quinquennali, e su tutto si vigilerà in modo serio e costante».

E ancora: «La cittadinanza deve essere coinvolta e devono essere ascoltati i vignaioli che in quella zona hanno le vigne. Sono realtà che vanno tutelate. Non solo per il loro lavoro, ma anche perché il panorama delle vallate è un patrimonio di tutti, e le vigne fanno parte a pieno titolo di quel panorama».

Tarasconi parla di consapevolezza ambientale: «E’ molto cambiata nel corso degli anni, è aumentata». Ed è per questo che, secondo la consigliera, oggi è necessario far compenetrare più esigenze: «Le esigenze di chi lavora per estrarre una materia prima necessaria e l’esigenza di chi chiede che venga tutelata la salute delle persone, l’integrità delle coltivazioni e l’armonia del paesaggio».

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank