Centrale di Caorso, incontro sulla sicurezza e sul trasferimento dei rifiuti radioattivi

Open Gate Sogin: porte aperte alla centrale nucleare di Caorso

Sicurezza sul lavoro e punto sul trasferimento dei rifiuti radioattivi; su questi due temi verterà la riunione del Tavolo per la trasparenza per la dismissione dell’ex centrale nucleare di Caorso nel piacentino. Riunione in programma domani pomeriggio – dalle 15 alle 18 – nella Sala del Consiglio provinciale di Piacenza (via Garibaldi, 50).

“Il tema ‘sicurezza sul lavoro’ sarà al centro dell’incontro in ragione del grave infortunio ai danni di un dipendente di una ditta esterna folgorato e gravemente ferito lo scorso 25 settembre”; lo sottolinea l’assessore regionale all’Ambiente, Paola Gazzolo, che presiede il tavolo -. Un fatto che non doveva accadere e che ovviamente non potevamo ignorare. Sono certa che i rappresentanti di Sogin illustreranno nel merito e nel dettaglio l’accaduto; ma anche le procedure messe in atto affinché venga garantita la totale sicurezza sul lavoro nell’area interessata dalla centrale e dalla dismissione”.

Nel corso della riunione, aggiunge Gazzolo, “si chiederà poi a Sogin di comunicare l’andamento delle prove effettuate in Slovacchia sulle resine inviate nel corso del 2018; prove propedeutiche all’ottenimento delle autorizzazioni necessarie per l’invio di tutti i 5.900 fusti contenenti i rifiuti radioattivi da trattare. Infine, affronteremo lo stato di avanzamento dei lavori di ristrutturazione dei depositi e delle aree di stoccaggio; compresa la nuova modalità di stoccaggio provvisorio in Iso container”.

Alla riunione del Tavolo trasparenza parteciperà anche Isin, (l’Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione, che è l’autorità di regolamentazione competente in materia) e saranno presenti anche gli esponenti dei sindacati nazionali di categoria oltre alle rappresentanze sindacali regionali e locali.

Il Tavolo della trasparenza

Il Tavolo della trasparenza è istituito dalla Regione Emilia-Romagna per garantire il più ampio livello di conoscenza; ma anche partecipazione e comunicazione nei confronti di tutti i soggetti interessati alle attività inerenti la dismissione dell´impianto nucleare di Caorso e la messa in sicurezza del sito.

E’ presieduto dall’assessore regionale alla Difesa del suolo e della costa, Protezione civile, politiche ambientali e della montagna”, Paola Gazzolo, e riunisce i ministeri dell’Ambiente, dello Sviluppo economico e della Salute, il presidente della Commissione regionale per il decommissioning, la Società Sogin Spa, la Prefettura e la Provincia di Piacenza, il Comune di Caorso, l’Unione dei Comuni Bassa Val d’Arda Fiume Po, Ispra, Arpae, i rappresentanti sindacali e delle associazioni ambientaliste regionali.

Si è riunito la prima volta nell’aprile 2016, nel gennaio 2018 e ora il 25 ottobre 2019.