Centrosinistra, Castelli possibile candidato Sindaco a Piacenza: “Città bellissima con grandissime potenzialità che però deve guardare alla coesione territoriale” – AUDIO

Centrosinistra, Castelli possibile candidato Sindaco a Piacenza: “Città bellissima con grandissime potenzialità che però deve guardare alla coesione territoriale”. 
Piacenza 24 WhatsApp

Centrosinistra, Castelli possibile candidato Sindaco a Piacenza: “Città bellissima con grandissime potenzialità che però deve guardare alla coesione territoriale”.  L’attuale primo cittadino di Cerignale è intervenuto a Radio Sound parlando del recente incontro con il Ministro Gelmini, nella sua veste di rappresentante in Anci dei piccoli Comuni e della disponibilità data al Partito Democratico per correre alla carica di Sindaco di Piacenza.

Piacenza è una città bellissima – commenta Massimo Castelli – ma sembra un po’ una bella addormentata. In particolare perché ha delle grandissime potenzialità. E’ in mezzo alla Pianura Padana ed è anche vicino a centri importanti come Milano, però deve soprattutto guardare alle sue spalle, quindi verso i monti e le aree interne. Penso che nelle politiche del futuro la coesione territoriale sarà la chiave di lettura per farcela tutti assieme. Le città non ce la faranno senza i territori e viceversa. Non bisogna fare politiche, se facciamo l’esempio di Piacenza, all’interno delle mura farnesiane. Serve una città aperta che possa dialogare con tutto il territorio perché i cambiamenti sociali e climatici imporranno delle politiche diverse dove serve fare gruppo. Questa è l’esperienza che abbiamo avuto con la pandemia. 

In questo presente in pochi vogliono fare i Sindaci, la sua è una scelta coraggiosa

Io mi sono candidato con “Coraggiosa”….per cui… A parte la battuta, va detto che il primo cittadino è ancora una di quelle figure a cui viene riconosciuto un ruolo rispetto alla politica nazionale che molte volte è distante dai cittadini per le scelte fatte. O  quando non sceglie come è avvenuto per l’elezione del Presidente della Repubblica. Poi il Sindaco, ancora di più nei piccoli comuni, è proprio una figura civica. Un rappresentante della comunità. Rispetto alla parte politica diventa più evidente quella amministrativa che il cittadino vede. Tra l’altro quando vado nel direttivo Anci, trovo persone di tutti i colori politici, ma quando si parla di problemi come il caro bollette o altro, si fa fatica a capire l’area politica del singolo Sindaco. In particolare perché i problemi dei cittadini sono uguali e la volontà è quella di risolverli al di là dell’appartenenza politica. L’esperienza dell’Anci mi ha fatto capire come l’aspetto di rappresentare i cittadini sia la strada maestra. 

Centrosinistra, Castelli possibile candidato Sindaco a Piacenza: AUDIO intervista

Radio Sound
blank blank