Addio al principe Corrado Gonzaga, vittima del Covid. Papamarenghi: “Concepiva la cultura come elemento di crescita”

Agazzano in lutto, addio al principe Corrado Gonzaga. Il nobile era ricoverato a causa di una grave forma di Covid-19, è deceduto all’età di 79 anni. Lascia la moglie, Erica De Ponti e i tre figli, Francesco, Lodovico e Ferrante.

Il cordoglio dell’assessore alla Cultura Jonathan Papamarenghi

“Sono profondamente addolorato per la scomparsa, avvenuta in queste ore, del principe Corrado Gonzaga del Vodice, una persona di grandi qualità umane e di grande sensibilità imprenditoriale. Il suo impegno per l’Associazione Castelli del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli e per il castello di Agazzano di cui era proprietario, sono stati infatti i segni tangibili della sua attenzione alla storia della cultura e all’arte come elementi da diffondere e da conoscere”.

Chi si esprime in questi termini è l’assessore alla Cultura Jonathan Papamarenghi, il quale ricorda i tratti profondamente umani e la grande sensibilità del principe: “Corrado Gonzaga – prosegue Papamarenghi – era una persona molto attenta a preparata, colta e proiettata verso una concezione del turismo culturale volta alla valorizzazione del nostro territorio e del nostro patrimonio storico e artistico. Una delle sue tante qualità era quella di concepire la cultura come elemento di crescita turistica di una realtà come la nostra, fuori dall’orbita delle grandi città d’arte, ma ricca di bellezze, tali da favorirne la conoscenza attraverso la presenza di strutture di ospitalità anche all’interno dei castelli della nostra provincia”. Conclude l’assessore Papamarenghi: “Ci lascia una persona che ha dato tanto in termini di divulgazione della conoscenza e della cultura dei castelli non solo ad Agazzano ma anche alle nostre località, spesso refrattarie ma dotate di autentiche bellezze da conoscere e da vivere”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

App Galley