Elezioni comunali del 12 giugno, 480 candidati per diciassette liste. Chi sono i sei aspiranti sindaco – GUIDA ALLE ELEZIONI

Piacenza 24 WhatsApp

Sei candidati sindaco, 17 liste, 480 candidati a un seggio in consiglio comunale. Sono i numeri della tornata elettorale del prossimo 12 giugno, data scelta per l’election day che vedrà gli italiani votare sia per le amministrative che per i Referendum sulla Giustizia. Il secondo turno delle comunali si terrà il 26 giugno. Come detto sono sei i candidati sindaco a Piacenza. L’attuale primo cittadino Patrizia Barbieri (Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Patrizia Barbieri sindaco – Trespidi con Liberi), Maurizio Botti con Piacenza Rinasce, Stefano Cugini (Alternativa Per Piacenza, Movimento 5 Stelle, Europa Verde, @sinistra), Samanta Favari per il Movimento 3V (Vaccini Vogliamo la Verità), Corrado Sforza Fogliani per Liberali Piacentini – Terzo Polo, Katia Tarasconi (Pd, Azione, Piacenza oltre, Piacenza coraggiosa, Pensionati piacentini, Katia Tarasconi-Lista civica per Piacenza).

Casa di Cura
blank

LE LISTE E I CANDIDATI

Patrizia Barbieri

Eletta per la prima volta Sindaco di Castelvetro Piacentino alle elezioni del 20 novembre 1994 mantiene la carica per due mandati. Candidata nella lista civica Oltre i partiti alle elezioni provinciali del 2004, viene eletta come consigliera provinciale. Dal 2009 al 2014 ha partecipato, come assessore alla giunta provinciale di Massimo Trespidi (composta da PdL, LN e UdC). Nel 2017 si candida a sindaca di Piacenza sostenuta da una coalizione di centrodestra (formata da Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d’Italia, il Partito Pensionati e da una lista civica) vincendo al ballottaggio con il 58,54% dei voti battendo il candidato di centro-sinistra Paolo Rizzi. Il 31 ottobre 2018 viene eletta anche presidente della provincia di Piacenza diventando la prima donna a ricoprire tale carica.

“Io non ho avuto sicuramente un mandato facile, fin dall’inizio, ma non è mai venuta meno quella passione che deve guidare il lavoro di un amministratore. L’ho fatto per cinque anni con grande sacrificio e lo rifarei ogni giorno perché è un sacrificio che merita di essere vissuto”.

Maurizio Botti

Maurizio Botti è medico omeopata di Piacenza e per anni è stato direttore di Omeofest, festival dedicato alle cure omeopatiche che ha avuto come sede proprio Piacenza. E’ alla sua prima esperienza politica. Il suo attivismo è iniziato durante la pandemia Covid 19, durante la quale si è battuto per la libertà vaccinale, osteggiando l’obbligo di fatto imposto dal governo.

Casa di Cura

“Passare i nostri sabati a protestare è sicuramente utile ma forse non basta più. Infatti dobbiamo passare a una fase dove ci assumiamo delle responsabilità. Questo è quello che abbiamo deciso assieme, per ora con persone che non provengono dalla politica e si sono conosciute in questi due anni nelle piazze”.

Stefano Cugini

Dal 14 gennaio 2014 al 30 giugno 2017, Stefano Cugini è stato assessore ai servizi sociali all’interno dell’amministrazione guidata da Paolo Dosi. Dal giugno 2017 al febbraio 2022 ha ricoperto la carica di capogruppo del Pd in consiglio comunale. Dall’ottobre 2012 al gennaio 2014 è stato vicepresidente della commissione consigliare n.3 “servizi sociali” e componente della commissione consigliare n. 4 “sviluppo economico”.

“Piacenza ha dimostrato nella storia di saper reagire in modo molto convinto nei momenti difficili. Mi auguro che Piacenza da giugno 2022 sia un po’ più fortunata, un po’ più orgogliosa di sé stessa e decisamente più resistente”.

Samanta Favari

Nata il 23 agosto 1973, Samanta Favari conferma l’inizio di questa nuova avventura dopo le battaglie di questi mesi durante la pandemia da Covid 19. Già perché il movimento 3V nasce proprio in questo contesto, anche se alla tornata elettorale gli attivisti si preparano ad ampliare il proprio ventaglio di proposte. A Piacenza il Movimento 3V è presente dal 2019, quando ha concretizzato la propria presenza sul territorio con la partecipazione alle elezioni regionali del gennaio 2020.

Casa di Cura

“La libertà di scelta terapeutica è stata la nostra prima battaglia. Non era che l’inizio. Oggi parliamo di economia, moneta, lavoro, ambiente, educazione, scuola, privacy, informazione e ricerca, perché se vogliamo un popolo in salute non possiamo trascurare nessun ambito della nostra società”.

Corrado Sforza Fogliani

Nato a Piacenza nel 1938, è Presidente dell’Associazione Nazionale fra le Banche Popolari. Avvocato cassazionista, giornalista pubblicista e autore di testi giuridici, Corrado Sforza Fogliani è stato dal 1986 al 2012 Presidente della Banca di Piacenza, Istituto di Credito di cui è attualmente Presidente d’onore, componente del Consiglio di Amministrazione e del Comitato Esecutivo. Dal 1991, per i 25 anni a seguire, Sforza Fogliani è stato anche Presidente di Confedilizia, al cui interno oggi ricopre l’incarico di Presidente del Centro Studi e membro del Comitato di Presidenza.

“Credo di poter portare il mio contributo per la posizione di chiarezza che da sempre l’associazione Liberali mette nei propri programmi. E penso proprio che Piacenza, attualmente, abbia bisogno di chiarezza”.

Katia Tarasconi

Katia Tarasconi è nata il 5 ottobre 1973 e ha cittadinanza italiana e americana. Laureata all’Università di Miami, ha lavorato come grafica. Dal 1998 al 2001 è stata responsabile commerciale di un’azienda del settore della comunicazione e web engineering e dal 2001 al 2008 ne è divenuta amministratore delegato. Dal 2007 al 2015 è stata assessore del Comune di Piacenza e dal 2015 al 2020 ha ricoperto la carica di consigliere regionale. Nel 2020 è stata rieletta nella circoscrizione di Piacenza.

“Faremo proposte che saranno condivise e frutto di un percorso. E’ chiaro che se mi si chiede la mia immagine di Piacenza è quella di una città accogliente con comunità. Inoltre con luoghi di aggregazione dove sia facile spostarsi, dove la qualità dell’aria migliori un pochino. Una città viva, insomma e un po’ più colorata rispetto a oggi”.

Radio Sound
blank blank