Il Summertime in Jazz 2021 fa tappa il 6 agosto a Cerignale e il 9 a Vigoleno

Il Summertime in Jazz 2021 fa tappa il 6 agosto a Cerignale e il 9 a Vigoleno

Il Summertime in Jazz 2021 fa tappa il 6 agosto a Cerignale e il 9 a Vigoleno. Venerdì 6 agosto è in programma il concerto in piazza della democrazia e della tolleranza, mentre il 9 agosto a Vigoleno è previsto il concerto sul sagrato di S. Maria delle Grazie per “Summertime in Jazz”. 

blank

Un centenario di rilievo come quello della nascita del grande Astor Piazzolla non poteva certo passare sotto silenzio. Ed è così che, dopo il concerto a Castell’Arquato di Pablo Corradini, un altro bandoneonista renderà omaggio al Maestro del Tango, ma da un punto di vista, con sensibilità e una formazione differente, così come molteplici sono le prospettive per reinterpretare le sue musiche. Protagonisti della serata saranno Gino Zambelli con il quartetto d’archi Bazzini che regaleranno un suggestivo concerto nell’incanto del borgo di Cerignale venerdì 6 agosto alle 21.30. Il concerto è a ingresso gratuito senza possibilità di prenotazione del posto.

Il giorno prima, giovedì 5 agosto presso le cantine Bonelli a Rivergaro si terrà il secondo concerto di Jazz SummerWine, l’evento che sancisce il felice binomio tra il buon vino e la buona musica. Appuntamento con la New Orleans Jazz Society alle 21.30. Questo concerto con degustazione prevede un costo di 5 euro, su prenotazione.

La rassegna è organizzata dall’associazione Piacenza Jazz Club grazie al contributo fondamentale della Fondazione di Piacenza e Vigevano, della Regione Emilia-Romagna e di tutti i Comuni e le Proloco coinvolte. Sono garantite tutte le misure in termini di sicurezza richieste per gli spettacoli dal vivo.

Cento anni fa nasceva il più grande bandoneonista di tutti i tempi: Astor Piazzolla. La sua musica ha rivoluzionato lo stile di uno strumento musicale, il bandoneón e di un’intera nazione, l’Argentina, passando dall’America all’Europa, lasciando un segno indelebile nella storia della musica e nei cuori delle persone. Oggi, grazie al suo contributo, il Tango è diventato patrimonio immateriale dell’Unesco, ma soprattutto l’uomo al cospetto della sua musica può accingere a quella dimensione preziosa della spiritualità, della bellezza, dell’amore e dell’essenza della vita. 

Gino Zambelli è rimasto totalmente stregato dal Maestro Piazzolla fin da bambino e anche se nel corso degli anni ha frequentato diversi generi, dalla musica classica al Jazz passando dal Flamenco, Tango Tradizionale, musica celtica, Klezmer, Salsa, musica africana e brasiliana, lo stile e la musica di Piazzolla lo ha sempre accompagnato e ne ha sempre tenuto vivo il messaggio. Per questo centenario è venuto così spontaneo a Zambelli pensare a un nuovissimo progetto – “Tango 100 Revolution”, in cui mettere in gioco tutti i trent’anni di studio sulla figura di Piazzolla, arrangiando la sua musica per quartetto d’archi e bandoneón. Il quartetto d’archi Bazzini, con la sua eleganza esecutiva, ha arricchito la tavolozza di colori, sui quali il bandoneón canta melodie struggenti e appassionate, in un progetto unico ed emozionante. Durante il lunghissimo anno caratterizzato dallo stop forzato dei concerti, l’ensemble ha perfezionato lo stile e registrato un bellissimo disco, tenendo viva la fiamma della passione per questo immenso poeta e la sua musica.

9 agosto: Le ruggenti atmosfere degli anni ’20 rivivono a Vigoleno con la Milano Hot Jazz Orchestra

Una storia che sa di Jazz nella New Orleans degli anni ’20 è quella che ricreerà la Milano Hot Jazz Orchestra lunedì 9 agosto alle 21.30 sul sagrato di S. Maria delle Grazie a Vigoleno. E così come quel decennio del secolo scorso fu caratterizzata da spensieratezza e benessere, l’augurio che ci facciamo è che anche per noi quest’estate possa essere una svolta. Il concerto è a ingresso gratuito senza possibilità di prenotazione del posto.

Giovedì 12 agosto sempre alle 21.30 sarà l’esclusiva cornice del Croara Country Club, in collaborazione con l’associazione di promozione del territorio Trebbia Shire, ad ospitare il terzo e ultimo concerto di Jazz SummerWine, con il Jazz Passion Trio. Il concerto con degustazione prevede un costo di 5 euro, su prenotazione.

La rassegna è organizzata dall’associazione Piacenza Jazz Club grazie al contributo fondamentale della Fondazione di Piacenza e Vigevano, della Regione Emilia-Romagna e di tutti i Comuni e le Proloco coinvolte. Sono garantite tutte le misure in termini di sicurezza richieste per gli spettacoli dal vivo.

La Milano Hot Jazz Orchestra è stata fondata nel 1997 da Jack Russo, Paolo Gaiotti e Claudio Perelli. Lo scopo dei tre musicisti è stato quello di ricreare l’atmosfera originale del Jazz classico, proprio alla maniera dei vari gruppi che furoreggiavano nel corso dei “ruggenti Anni Venti” del XX secolo a Chicago e New Orleans. Per poter fare ciò, è stato indispensabile ricorrere a uno studio accurato delle sonorità di quell’epoca. Il sound dell’orchestra è caratterizzato da diversi brani cantati e da varie sfumature musicali, ottenuto grazie alla presenza di musicisti in grado di suonare fino a quattro diversi strumenti ciascuno. Il repertorio della “M.H.J.O.” contiene brani del primo Duke Ellington (“Stevedore Stomp”, “A Gipsy Without a Song”, “Accordion Joe”), della Fletcher Henderson’s Orchestra (“Sugar”, “It’s the Dardnest Thing”, “Roll on Mississippi Roll On”), dei Mc Kinney’s Cotton Pickers e quanto di meglio aveva da offrire il Jazz di quegli anni.

Tutte le info in tempo reale su www.summertimejazz.it oppure sui social, la pagina www.facebook/piacenzajazzfest, il profilo Twitter www.twitter/pcjazzclub attraverso l’hashtag #SummertimeInJazz o su Instagram con il profilo del Piacenza Jazz Club. 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank