Metronotte Piacenza e Progetto Vita insieme per “vigilare il cuore della città”: ventisette pattuglie dotate di defibrillatore, primo caso in Italia – AUDIO – FOTO

Da oggi anche le pattuglie di Metronotte Piacenza saranno dotate di defibrillatore. Un’iniziativa unica in Italia, firmata Progetto Vita. Un’iniziativa, chiamata “Vigiliamo il Cuore nella Tua Città”, che conferma il ruolo di Piacenza come modello e capofila nella cardioprotezione. Nello specifico parliamo di 27 vetture che saranno dotate di apparecchio salvavita. Questa mattina sono stati consegnati i primi apparecchi, ma prosegue la campagna di raccolta fondi prosegue sulla piattaforma “Crow for Life” di Crédit Agricole. Per informazioni o per aderire si può consultare il sito web www.ca-crowdforlife.it.

blank

Un incontro che ha visto impegnati esponenti delle autorità, delle forze dell’ordine e dei maggiori sponsor che hanno espresso il loro forte interesse per questa nuova iniziativa.

La campagna di Crowdfunding realizzata da Progetto Vita per Metronotte Vigilanza è ospitata sul portale CrowdForLife di Crédit Agricole Italia www.ca-crowdforlife.it.

Tramite questo portale e tramite l’IBAN dedicato, privati e aziende possono partecipare a raggiungere un nuovo ambizioso obiettivo: dotare ognuna delle 27 pattuglie di Metronotte di defibrillatore salvavita (DAE).

In questo modo le pattuglie di vigilanza di inseriranno nella folta rete di defibrillatori già presenti sul territorio di Piacenza e provincia, la città più cardioprotetta di Europa. Il personale adeguatamente formato delle pattuglie di Metronotte sarà allertato e coordinato dalla Centrale Operativa 118 tramite l’app regionale “DAE RespondER”, entrando così prontamente in azione in caso di emergenza.

A sostegno di questo obiettivo oggi sono intervenuti l’Assessore alla Sicurezza Luca Zandonella, il Vicario del Prefetto Attilio Ubaldi e il Sindaco Patrizia Barbieri.

“E’ un progetto pilota in Italia. Un primo esempio da seguire per tutte le città che vorranno anticipare il soccorso in caso di arresto cardiaco – spiega Daniela Aschieri, presidente di Progetto Vita – il personale delle pattuglie di Metronotte Piacenza, adeguatamente formato, sarà così in grado di effettuare, in tempi rapidi, le prime manovre di soccorso usando il defibrillatore, che sarà disponibile, in attesa dell’arrivo della ambulanza”.

Pietro Ercini Presidente Metronotte Piacenza. “Abbiamo accolto subito questa proposta così importante di Progetto Vita. Le nostre pattuglie sono abituate a gestire eventi in emergenza quindi essendo operativi 24 ore su 24 cercheremo di puntare proprio sulla velocità degli interventi”.

“Piacenza mantiene il primato come città cardioprotetta d’Europa e questo grazie alla generosità dei nostri cittadini. Piacenza ha dimostrato ancora una volta di avere un grande cuore”, commenta l’assessore Luca Zandonella.

Zandonella ha poi evidenziato: “Saremo tutti più tutelati grazie a questo progetto: un aiuto importante alla comunità in termini di salute e di sostegno sociale. Piacenza arriva per prima: si tratta di un progetto pilota in Italia, un primo esempio da seguire per tutte le città che vorranno anticipare il soccorso in caso di arresto cardiaco”.

Facile immaginare l’impatto di questa idea, resa possibile grazie alla preziosa disponibilità di Metronotte Piacenza; ma il merito va anche all’impegno instancabile di Valter Bulla che ha avviato una raccolta fondi che ha reso possibile l’acquisto dei defibrillatori.

“Sono molto soddisfatto perché le persone hanno dimostrato grande solidarietà, tutti hanno risposto con prontezza e senza indugio a questo appello. Con queste 27 auto collegate al 118 possiamo immaginare il supporto per la rete d’emergenza piacentina”.

Il Vicario del Prefetto Attilio Ubaldi ha aggiunto: “Il benessere di un paese non si misura solamente attraverso il PIL ma anche attraverso la rete sociale e solidale: Piacenza in questo si contraddistingue.”

È seguito l’intervento di Daniela Aschieri, Presidente dell’Associazione Progetto Vita che ha ringraziato di cuore gli sponsor che hanno espresso il loro interesse per l’iniziativa e che seguono sempre attentamente le attività dell’associazione.

In seguito Pietro Ercini, Responsabile di Metronotte Piacenza, ha evidenziato: “Piacenza ancora una volta si dimostra una città all’avanguardia. Sono orgoglioso di aver istituito anni fa un’azienda che piacentina è di nascita. Partecipare a questo progetto ci sembra un modo giusto per restituire alla città tutto il sostegno che i piacentini ci hanno dato negli anni. Investiamo su Piacenza e vogliamo partecipare alla sua ripartenza: mettiamo le nostre forze a disposizione dei cittadini, anche in caso di emergenza da arresto cardiaco.”.

blank
blank

“L’impegno di Metronotte Piacenza in questo nuovo progetto – annuncia il Presidente Pietro Ercini – è quello di mettere a disposizione della cittadinanza la nostra Centrale Operativa, 24 ore su 24, tutti i giorni dell’anno, e ben 27 delle oltre 70 pattuglie operative. Le nostre pattuglie operano sul territorio della città e della provincia di Piacenza sulle 24 ore, 365 giorni all’anno. Le nostre guardie giurate, che verranno formate sull’utilizzo del DAE, saranno più di 90. Noi stiamo già acquistando un defibrillatore per allestire la prima pattuglia”.


Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank