Le sue gemelline nate premature, dopo la paura mamma Cecilia ringrazia Pedriatria con un nuovo importante strumento: “Professionalità e umanità”

blank
Piacenza 24 WhatsApp

Anita Olivia sono due allegre bimbe che saltellano attorno a mamma Cecilia. Vivaci, sorridenti, con la voglia di correre e saltellare che non le fa stare ferme. È lontano il ricordo di quando, nate premature a 32 settimane, hanno trascorso il loro primo di vita in Patologia neonatale accudite e coccolate dal team del professor Giacomo Biasucci.

“Un porto sicuro – sottolinea Cecilia Salerno – in cui professionalità e umanità si miscelano in maniera perfetta e ci hanno accompagnati in quel momento difficile. Per ringraziarli abbiamo consigliato a chi ci chiedeva cosa regalare alle bambine di aiutarci a fare un dono concreto al reparto per aiutare altri bimbi e le loro famiglie”.

“La generosità di Cecilia ci ha consentito di acquistare un ulteriore strumento per il monitoraggio in tempo reale e costante dei parametri vitali dei neonati prematuri – sottolinea il professor Biasucci accompagnato per l’occasione da Nadia Malvicini, coordinatrice infermieristica di Patologia neonatale, e le infermiere Maite Franzini e Mireille Nematchoua Mopi –. Si tratta di un supporto importante che va ad arricchire il nostro bagaglio tecnologico per l’osservazione dei piccoli. Un dono significativo che conferma il buon lavoro che ogni giorno cerchiamo di fare per i nostri piccoli pazienti e le loro famiglie. Ringrazio Cecilia per la lungimiranza della scelta che consentirà ad altri bimbi di essere assistiti al meglio, come è stato per Anita e Olivia”.

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank