Piacenza e il suo territorio hanno bisogno d’acqua intervenire sulla Liguria

Piacenza 24 WhatsApp

Piacenza e il suo territorio hanno bisogno di acqua, bisogna ridefinire un rilascio sistemico delle acque dalla diga di Brugneto, alla luce delle necessità di acqua potabile del territorio piacentino: la Liguria rilasci più acqua dal Brugneto verso Piacenza.La Regione prenda posizione sulle decisioni del sindaco di Piacenza, completamente opposte a quelle che sosteneva quando era consigliera regionale

A chiedere alla giunta di intervenire sulla Regione Liguria per trovare una soluzione alle necessità idriche di Piacenza, è Giancarlo Tagliaferri (Fdi) che ricorda come “il sindaco di Piacenza Katia Tarasconi, quando rivestiva il ruolo di consigliera regionale, presentò un’interrogazione in cui sollecitava più acqua, mentre oggi nel ruolo di sindaco accetta l’aumento dei rifiuti provenienti dalla Liguria da smaltire a Piacenza e il sospetto cade su eventuali risorse che dai rifiuti dovrebbero arrivare senza chiedere che la Liguria rilasci più acqua a vantaggio del territorio piacentino

L’accordo del 2020 ha cinque anni di validità e prevede anche il rilascio straordinario di quantità d’acqua in caso di emergenza dovuta alla scarsità di piogge. Quando l’accordo dovrà essere rinnovato valuteremo le varie condizioni e se qualcosa dovrà essere aggiornata lo aggiorneremo”, spiega la vicepresidente e assessore all’Ambiente Irene Priolo per la quale “abbiamo previsto l’aumento dei poteri dell’Osservatorio e stiamo valutando su cosa si debba intervenire”.

Parole alla luce delle quali Tagliaferri si dice insoddisfatto “perché la risposta di Priolo ancora una volta non affronta i problemi nella loro concretezza: servono interventi certi e costanti. Per rendersi conto della reale situazione invito la vicepresidente a prevedere un sopralluogo a Piacenza, sarò lieto di accompagnarla”.

Radio Sound
blank blank