Pro Vercelli – Piacenza, i biancorossi tentano di espugnare il “Piola”

Pro Vercelli - Piacenza

Il Piacenza di Scazzola non ha un secondo per rifiatare e dopo la gara ricca di emozioni di mercoledì scorso è già in campo per sfidare la Pro Vercelli. Nel recupero dell’ottava giornata è arrivato un solo punto, ma finalmente si è rivisto un Piacenza propositivo, capace di costruire azioni da rete e di giocare a viso aperto.
Una prestazione che sicuramente restituisce al tecnico qualche certezza in più, benché la classifica continui a non essere positiva.

blank

Ascolta Pro Vercelli – Piacenza su RADIO SOUND, fischio di inizio alle 14:30 di domenica 31 ottobre

Piacenza, ora servono i punti, ma al “Piola” ad attendere i biancorossi ci sarà una Pro Vercelli agguerrita

Dopo le prove opache con Pro Sesto, Sudtirol e in parte con la Giana Cesarini e compagni sembrano aver recuperato la verve della primissima parte di stagione, ma ora servono i punti. Un successo permetterebbe di risalire una classifica che è comunque molto corta e prendere una bella boccata di ossigeno. Ma per uscire dal pantano i biancorossi dovranno superare al “Piola” la Pro Vercelli. Impresa già di per sé non semplice, che diventa ancor più complessa se si considera che i piemontesi arriveranno a questo confronto ben più riposati dei piacentini, che hanno chiaramente lasciato molte energie nel confronto del “Garilli” con la Juve U23.  I ragazzi guidati dall’ex giocatore del Piacenza Giuseppe Scienza (in biancorosso dal 1996 al  1998) sette giorni fa hanno strappato un pari sul campo della Pro Patria.
Le Bianche Casacche al momento sono al quinto posto in classifica e si sono ampiamente riprese dopo i due stop con Feralpi e Sudtirol. Con il 3-5-2 il tecnico può sempre contare sulle prestazioni di Bunino e Comi, i due attaccanti il secondo ha già messo a segno 4 reti.

In attacco un Raicevic in più per Scazzola, ma il montenegrino giocherà da novembre

Il montenegrino è pronto a dar man forte all’attacco biancorosso. Dubiskas non riesce a decollare, mentre Gissi è finito ai margini del progetto e raramente viene impiegato. Potrebbe essere l’uomo della svolta in un reparto che sta faticando oltremisura dall’inizio del campionato. Chiaramente dovrà ricercare il giusto feeling con la squadra, oltre al ritmo partita (l’ultima gara l’ha giocata a maggio con la Ternana). L’attaccante firmerà soltanto tra domenica e lunedì, quindi non ci sarà sicuramente al “Piola”

Cesarini in dubbio

In forte dubbio la presenza del “Mago” alle prese con un risentimento muscolare. Si trattatterebbe di un’assenza pesantissima in casa biancorossa: con il numero 10 (e lo si è capito ancor di più nella parte iniziale del match con la Juve U23) le trame di gioco del Piacenza acquistano tanta brillantezza, ma gli infortuni e le squalifiche continunano purtroppo a limitarne l’impiego.

blank

La probabile formazione

Piacenza (3-5-2):Pratelli, Armini, Codromaz, Nava, Parisi, Corbari, Bobb, Marino, Giordano, Gonzi, Rabbi

Il turno di campionato

Domenica 31 ottobre

ore 14:30
Pro Vercelli – Piacenza
Sudtirol – Juve U23
Triestina – FeralpiSalò

Ore 17:30
Fiorenzuola – Mantova
Giana – Pro Patria
Lecco – Virtus Verona
Padova – Albinoleffe
Renate – Legnago
Seregno – Pro Sesto
Trento – Pergolettese

La classifica

Sudtirol 24; Padova, Renate e FeralpiSalò 23; Pro Vercelli 19; Albinoleffe 17; Lecco 16; Juventus e Triestina 15; Pro Patria 13; Virtus Verona e Trento 12; Fiorenzuola, Legnago e Pergolettese 11; Piacenza e Giana 10; Mantova 9; Pro Sesto 8

blank

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank