Renate – Piacenza, servono punti per evitare la retrocessione

Tifosi del Piacenza
Piacenza 24 WhatsApp

Il pareggio ottenuto la scorsa settimana con la Pro Vercelli serve a poco, ma a spaventare i sostenitori è l’assenza di gioco di questa squadra che, lo ribadiamo, da tre settimane a questa parte è come se avesse spento la luce. Il pareggio del “Garilli” è per altro piuttosto casuale, poiché i piemontesi sono stati in grado di confezionare almeno altre tre nitide palle gol e solo un Nocchi in stato di grazia ha salvato il risultato con una prestazione sopra le righe tra i pali. Scazzola, tornato a Piacenza come l’autore del miracolo, ora è stato messo in discussione e benché la società lo abbia riconfermato al termine del match è chiaro che ulteriori risultati senza successo potrebbero determinarne l’esonero.

Ascolta Renate – Piacenza su Radio Sound

Cosenza torna a disposizione del tecnico e si giocherà il posto con Zanandrea, autore comunque di una gara discreta. Ovviamente è pesante l’assenza di Persia che deve operarsi al crociato, ma quella con ogni probabilità sarà una problematica cronica per il mister, essendo i tempi di recupero mediamente piuttosto lunghi.

Al “Città di Meda” il Piacenza affronterà un Renate che è precipitato al settimo posto e che nell’ultimo mese ha faticato non poco. La squadra di Andrea Dossena pur avendo una rosa di tutto rispetto, ha racimolato solamente due punti nelle ultime 5 gare, lasciando le posizioni di comando del girone A. Ora l’obiettivo dei nerazzurri è quello di qualificarsi ai playoff col miglior piazzamento possibile.

Il Piacenza non può fare sconti

Lo ribadiamo ormai da tempo: per i biancorossi sono tutte finali e, purtroppo, le ultime tre partite hanno reso il percorso ancor più complicato. La Triestina ha solo 2 lunghezze di ritardo da Cesarini e compagni che, venissero scavalcati ripiomberebbero all’ultimo posto che costerebbe la retrocessione diretta a fine anno. Bisogna inoltre ricordare che non si disputerebbero nemmeno i playout in caso di penultimo posto con un distacco superiore agli otto punti dalla terzultime e, visto che le rivali viaggiano a vele spiegate, l’unico modo di rimanere ancorati a questa serie C è quella di trovare un risultato favorevole. Alla squadra serve un’iniezione di fiducia immediata per affrontare al meglio le prossime gare in cui ci saranno tanti scontri diretti.

La probabile formazione

Piacenza (3-5-2): Nocchi, Accardi, Cosenza, Nava, Munari, Palazzolo, Chierico, Suljic, Rizza, Cesarini e Morra. All. Scazzola

La giornata di campionato

Sabato 18 febbraio, ore 14:30
Renate – Piacenza
Novara – Pro Sesto
Trento – Pordenone

ore 17:30
Arzignano – Ablinoleffe
Padova – Triestina
Pro Patria – Pergolettese
Pro Vercelli – Virtus Verona
Sangiuliano – FeralpiSalò

Domenica 19 febbraio, ore 12:30
Juventus – Lecco

ore14:30
Mantova – Vicenza

La classifica

Pro Sesto e Feralpi 47; Pordenone 46; Lecco 45; Vicenza 44; Pro Patria 43; Renate 39; Arzignano e Juventus Next Gen 38; Novara 37; Pro Vercelli e Padova 35; Albinoleffe e Treno 34; Virtus Verona 32; Sangiuliano e Mantova 31; Pergolettese 30; Piacenza 24; Triestina 22

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank