L’Assigeco Piacenza non riparte più: Roseto vince 88-77

roseto - assigeco piacenza, assigeco piacenza

Il commento di Roseto – Assigeco Piacenza, 23esima giornata di serie A2

blank

L’Assigeco non c’è, e la sconfitta di Roseto apre squarci importanti sul finale di stagione dei biancorossoblù. In un PalaMaggetti piuttosto freddo e depresso dalla situazione di campionato degli Sharks (ultimi), ai piacentini non bastano i 40 punti della coppia americana ed i 20 di Santiangeli. Le mancanze offensive del supporting cast (6 punti dalla panchina) in una partita speculare sotto tante voci statistiche, fanno il paio con le pause difensive che concedono 88 punti a Roseto, di cui 28 negli ultimi 10′. In settimana potrebbe traballare la posizione di Gabriele Ceccarelli, chiamato ad un ultimatum ancora prima del match.

Quintetti

Roseto: Giordano, Rodriguez, M. Nikolic, L. Nikolic, Bayehe. All. D’Arcangeli
Piacenza: Gasparin, Ferguson, Santiangeli, Hall, Molinaro. All. Ceccarelli

Roseto – Assigeco Piacenza: la cronaca

Partenza a rilento per le due formazioni al PalaMaggetti: nei primi 150 secondi non si vedono canestri. La situazione viene sbloccata da Rodriguez, a cui fa immediatamente eco Mike Hall. Lo stesso Rodriguez ci prende gusto, in un primo periodo pieno di botte e risposte. Molinaro si impegna con 4 punti filati e trova il -1 (12-11) alla boa di metà periodo. Vanno a bersaglio i due Nikolic in casa Roseto, Hall trova il -3 e poi si scatenano i due attaccanti abruzzesi: prima Rodriguez (5/5 dal campo), poi Bayehe (4) firmano il 22-14 dopo i primi 10′.

blank

Secondo periodo

E’ Santiangeli a suonare la carica in avvio di ripresa: 4 punti consecutivi dell’ex Roma valgono il -5 a tabellone. Bayehe torna a fare il mostro a centro area, e ricaccia indietro i biancorossoblù. Piacenza fa molta fatica a trovare qualcosa dalle seconde linee e Ceccarelli, sul 30-19, è costretto a fermare la partita. Dalla strigliata escono molto forte i due americani: Hall e Jazz Ferguson. Sul -11, i due USA arrivano a 22 punti complessivi (11 a testa) e provano a ricucire l’assunto. Rodriguez e Bayehe non sono d’accordo e fanno di meglio (28 punti complessivi) e +6 alla pausa lunga: 42-36.

Terzo periodo

Fuori dagli spogliatoi, Ceccarelli prova il quintetto comandato da capitan Ihedioha ed i dividendi arrivano. Hall e Santiangeli rimettono in moto la loro cilindrata ed il parziale diventa meno cupo. Nikolic è sicuramente l’uomo che non ti aspetti, ma il duo piacentino segna per la parità sul 49-49. Giordano ritrova il +3 con la bomba da lontano, ma i biancorossoblù hanno una marcia diversa e ritrovano grande fluidità offensiva. Ferguson vuole chiudere il parziale, e lo fa: tre canestri filati e nuovo vantaggio a tabellone sul 60-61 (non succedeva dal primo periodo).

Quarto periodo

Quando comincia l’ultimo parziale, l’andamento del match permetterebbe ai bookmakers di quotare forte l’Assigeco. La realtà è che un passaggio a vuoto iniziale costa tanto a Piacenza. Nikolic timbra la quarta bomba della serata, e con Dincic scavano il parziale decisivo. Sul 69-66, con il match ancora in bilico, la situazione si spezza. D’Arcangeli mette Pierich, Rodriguez tira dritto senza voltarsi indietro e l’Assigeco molla il colpo. Le forzature e le mancanze difensive fanno pagare un prezzo carissimo alla formazione del presidente Curioni. Il finale recita 88-77, con gli ultimi 3′ che non hanno mai concesso una chance ai piacentini.

blank

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank