Acer, bilancio approvato. Recuperati oltre 844mila euro di morosità

Votato all’unanimità il Bilancio di Acer 2018, con il plauso dei sindaci presenti e dei Revisori dei Conti. Al termine della presentazione, il presidente Losi ha rilanciato ai Sindaci presenti la collaborazione per convocare le assemblee condominiali; installazione delle videocamere di sorveglianza, strumento di deterrenza efficace per la microcriminalità e per favorire la reale sicurezza degli inquilini nei quartieri popolari.

Positiva la nota di verifica dei Revisori dei Conti. Il presidente del Collegio dei Revisori Alberto Squeri ha sollecitato i Comuni ad una maggiore tempestività di assegnazione degli alloggi pronti ma ancora sfitti. Di seguito la relazione del presidente di Acer Patrizio Losi.

«Il bilancio 2018 chiude con un utile di 191.916 euro ed eccedenze canoni pari a 384.285 euro. Il risultato positivo è molto apprezzabile; considerato il particolare contesto in cui l’azienda è chiamata ad operare. Contesto che evidenzia difficoltà sia sul piano finanziario che sociale.

A rendere possibile ciò, un comportamento attento e prudente nella gestione dell’Azienda; ma anche al lavoro svolto con costante impegno da tutto il Personale di Acer Piacenza.

Nuove attività

Tutto questo non ha impedito all’azienda di intraprendere nuove attività che possono far guadagnare margini di mercato all’azienda.

Tra queste si evidenziano. l’acquisizione del servizio da parte dei comuni di Castel San Giovanni, Borgonovo e Fiorenzuola dell’attività di raccolta delle domande e istruttoria per la formazione della graduatoria per l’assegnazione degli alloggi di ERP;

l’attività tecnica di progettazione ed esecuzione lavori che ha riguardato progetti e manutenzioni affidati all’azienda da parte dell’Asp e da parte del Comune di Rottofreno (ampliamento della scuola elementare).

la collaborazione con il Politecnico di Milano di Piacenza; dove gli studenti hanno progettato la riqualificazione di due quartieri come il Ciano e la zona del PEEP Farnesiana; sia dal punto di visto edilizio che dal punto di visto sociale e della sicurezza sul territorio.

Nei primi mesi del 2019 il Ministero dei Beni Culturali ha finanziato un bando intitolato “Creative Living Lab”. Bando finalizzato alla realizzazione di progetti innovativi di qualità in ambito culturale e creativo. Progetti orientati alla rigenerazione e alla trasformazione di spazi interstiziali, aree o edifici abbandonati o dismessi e zone di vede non curate.

Controllo della morosità

Un aspetto molto importante, dal punto di vista finanziario, per l’azienda è il controllo della morosità relativa ai canoni di locazione. Morosità che per il primo anno ha registrato una contrazione lieve ma significativa pari all’1,81% passando da Euro 4.212.979 a Euro 4.136.823.

Il costante lavoro degli uffici nel corso del 2018 ha consentito, di recuperare cifre importanti per l’azienda (Euro 844.097) relative a morosità pregresse e consolidate.

A questo si aggiunge l’impegno dell’ufficio legale per definire tempestivamente le pratica da affidare alla società Cerved per analizzare puntualmente posizioni relative ad utenti cessati che si sono resi irreperibili. Questo ha permesso di radiare dal bilancio una cifra pari a Euro 260.000.

Il risultato combinati di tutto il lavoro svolto congiuntamente dall’azienda ha portato ad attestare il livello della morosità al 12,57% percentuale inferiore a quelle rilevate negli esercizi precedenti (solo nel 2013 si era rilevato una percentuale simile).

Questo trend di miglioramento è confermato dall’ulteriore recupero della morosità avvenuto nei primi tre mesi del 2019; dove si evidenzia che la percentuale del 12,57% si è ridotta all’8,35%.

Recupero di edifici

L’ufficio tecnico, nel corso del 2018 si è adoperato per eseguire il maggior numero di interventi volti a recuperare e rendere disponibili gli alloggi per le assegnazioni comunali. A tale titolo sono stati investiti in conto esercizio Euro 236.000 in più rispetto all’esercizio precedente e Euro 172.000 utilizzando le eccedenze canoni stanziate negli esercizi precedenti. Questo maggior esborso finanziario verrà compensato a livello finanziario dalle maggiori assegnazioni già intervenute anche nel corso del 2018. Nello specifico sono stati ristrutturati 182 alloggi imputando i costi nell’esercizio corrente e 19 alloggi utilizzando gli stanziamenti prendenti per un totale di 201 alloggi complessivi.

Grazie a questo lavoro le unità immobiliari, che richiedono manutenzioni straordinarie e che non possono essere assegnati per mancanza di fondi, sono 14 un numero molto esiguo e molto ridotto rispetto ai dati forniti a tal proposito dalle altre Aziende Casa dell’Emilia Romagna. A questo si aggiunge che l’incremento dei canoni di locazione applicato a seguito dell’approvazione delle Legge Regionale (delibere regionali n. 739/2017 e 894/2016 e dei conseguenti Regolamenti comunali) è stato a pari a Euro 223.000. Il canone medio per il 2018 è 112,99 €/mese.

L’azienda è sempre attenta alle politiche di mediazione sociale, che anche nel 2018 ha perseguito attraverso una campagna di sensibilizzazione per gli inquilini a costo zero, con l’utilizzo del mezzo di informazione mensile Acernews e con il proseguimento degli importanti accordi con le Parrocchie, la Caritas, le Università e Progetto Vita. Questo è stato reso possibile grazie anche all’impegno del servizi di mediazione sociale, che da settembre 2018 è ricoperto, per tutto il territorio provinciale, da una persona interna ad ACER»