Assenteismo, anche i “furbetti” piacentini nell’inchiesta del giornale La Verità

Assenteismo, Furbetti del cartellino

Assenteismo. La vicenda dei “furbetti del cartellino” torna alla ribalta delle cronache nazionali. Nello specifico in un articolo comparso sul numero del 1 aprile de La Verità, il settimanale diretto da Maurizio Belpietro. Articolo a firma di Alessia Pedrielli dall’evocativo titolo “Se sbagli ti premio – Aumenti a pioggia per fannulloni e assenteisti”. In sostanza la giornalista intraprende un viaggio attraverso l’Italia a caccia di episodi di assenteismo in ambito pubblico. Citando anche il caso di Piacenza, del giugno 2017.

blank

In tutto, come noto, erano 50 i dipendenti pubblici finiti sotto la lente della guardia di finanza e della polizia municipale. Nella pratica gli impiegati coinvolti timbravano il cartellino di inizio turno per poi uscire per compiere commissioni personali, spesso a bordo proprio dei mezzi di servizio dell’ente.

“A quella vicenda che portò anche ad alcuni licenziamenti, l’amministrazione comunale non reagì con durezza, anzi. Lo stesso anno, come nei successivi, i dirigenti sono stati premiati compresi i vertici che dovevano vigilare sul corretto funzionamento degli uffici comunali e che non hanno vigilato. Ricevendo tuttavia laute prebende a fine anno in busta paga”.

Le parole riportate dalla giornalista ricordano quelle pronunciate in quel periodo anche da Massimo Trespidi, consigliere comunale. “I vertici che dovevano vigilare sul corretto funzionamento degli uffici comunali non hanno vigilato: ora, mi sembra assurdo addirittura premiarli”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank