“Attraverso il mare”incontro sul tema delle migrazioni con ospiti di grande valore umano e professionale, Galleria Alberoni 4 novembre

blank

Sabato 4 novembre alle ore 10 nel Salone Arazzi della Galleria Alberoni il Centro di Servizio per il Volontariato di Piacenza – Svep e l’associazione “la Ricerca”, in collaborazione con l’“Opera Pia Alberoni”, organizzano un incontro dal titolo “Attraverso il mare” con quattro ospiti di grande spessore umano e professionale: Pietro Bartolo, Benedetta Cappelli, Lorenzo Bianchi e Giangiacomo Schiavi.

blank

L’iniziativa si colloca all’interno della mostra fotografica “ATTRAVERSO” che pone al suo centro il passaggio della Croce di Lampedusa in terra piacentina, un passaggio di alto valore simbolico che racconta la città e il territorio alla luce di una dolorosa storia di migrazione.

Gli studenti delle redazioni scolastiche saranno gli interlocutori privilegiati di un evento che si rivolge, comunque, a tutti i cittadini interessati. Parteciperanno i giovani reporters dell’Istituto Romagnosi, dell’ISII Marconi e dei Licei Colombini e Cassinari oltre a due classi del Liceo Mattei di Fiorenzuola e due classi di Parma accompagnate da 4 insegnanti e dal dirigente scolastico.

Laura Bocciarelli, presidente di SVEP dichiara: – Come Presidente del CSV di Piacenza SVEP sono particolarmente felice di aderire e partecipare a questa iniziativa pensata insieme all’associazione “La Ricerca” e proposta alle scuole piacentine e a tutti i cittadini interessati. Il tema degli sbarchi e dell’immigrazione occupa ormai da lungo tempo le pagine dei nostri giornali e le immagini ci vengono riproposte quasi quotidianamente dalle varie emittenti televisive o sul web; come ente che si occupa del volontariato e della promozione di una cultura della solidarietà non potevamo restare indifferenti. La tragedia di tanti esseri umani giunti a Lampedusa dall’Africa ma anche dalla Siria e da varie zone di guerra è stata gestita anche grazie all’impegno gratuito e volontario di tanti cittadini del nostro Paese.

 Gian Luigi Rubini, presidente dell’Associazione “La Ricerca”: L’Associazione La Ricerca Onlus, impegnata da sempre sui temi dell’accoglienza, del senso della sofferenza e della vulnerabilità delle persone, oggi è onorata di aver potuto ideare e ospitare insieme a Centro Servizi per il Volontariato-Svep e all’Opera Pia Alberoni, un’occasione/evento volto a sensibilizzare la cittadinanza con ospiti illustri, sia sotto il profilo professionale, ma soprattutto umano. Il messaggio che vogliamo portare attraverso il racconto dei protagonisti di questa giornata è che quando ci accorgiamo della sofferenza dell’altro e ce ne facciamo cura, ridiamo al mondo un senso di giustizia: la provocazione che oggi lasciamo ai giovani e agli ospiti è una domanda d’obbligo: Perché non a me?

La croce di Lampedusa è passata anche nella nostra associazione: è stato un evento molto importante e significativo che ha dato speranza a tante persone che per diversi motivi hanno dovuto affrontare grandi ferite della vita e con determinazione hanno cercato di rialzarsi. La mostra che ne è scaturita è la testimonianza di questo evento e di come sia stata vissuta dai nostri ospiti volontari e operatori: sorrisi, lacrime di disperazione e di liberazione, sguardi e abbracci.

Gli ospiti

 Giangiacomo Schiavi è diventato giornalista alla “Libertà” di Piacenza, dove è rimasto dal 1977 al 1981. E’ passato poi al Resto del Carlino come redattore agli interni e all’ufficio centrale: dal 1984 al 1987 è stato cronista parlamentare alla redazione romana per Carlino e Nazione. Chiamato al Corriere della Sera ha ricoperto il ruolo di vice- capocronista dal 1987 al 1989. Trasferito a Milano è stato caporedattore e capocronista dal 1996 al 2004; poi editorialista e titolare della rubrica “Dalla parte del cittadino” dal 2004 al 2009. Autore del viaggio in camper nei quartieri di Milano, è stato premiato con l’Ambrogino d’oro del Comune nel 2007. Dal maggio 2009 al maggio 2015 è stato vicedirettore del Corriere e autore del Manifesto di Milano, un saggio sull’orgoglio del capoluogo lombardo. Attualmente è tornato a fare l’editorialista per il Corriere.

 

Pietro Bartolo è un medico siciliano, laureato all’Università di Catania e specializzato in ginecologia. Nominato nel 1988 responsabile del gabinetto medico dell’Aeronautica militare a Lampedusa, nel 1991 è ufficiale sanitario delle isole Pelagie. Nel 1993 diviene responsabile del presidio sanitario e del poliambulatorio di Lampedusa dell’ASP di Palermo. È stato in prima fila nei soccorsi ai sopravvissuti della strage del 3 ottobre 2013 quando delle fiamme su un peschereccio all’Isola dei Conigli carico di oltre 500 migranti, causarono 368 vittime, nonostante qualche settimana prima fossa stato colpito da un’ischemia cerebrale. Ha preso parte al parte al film documentario Fuocoammare di Gianfranco Rosi, che nel febbraio 2016 ha vinto l’Orso d’oro al festival di Berlino, e ha ottenuto una candidatura nella categoria “Miglior Documentario” agli Oscar 2017.

 

Lorenzo Bianchi inviato del Resto del Carlino-Qn

Ha seguito per il proprio giornale numerosi conflitti che hanno insanguinato il Medio Oriente e i Balcani. Fu ostaggio degli iracheni già nel 1991. Accadde durante la guerra del Golfo; insieme a Bianchi anche Giovanni Porzio, inviato di “Panorama”, venne catturato dalla Guardia repubblicana irachena. Nel 2003, a distanza di alcuni anni, i due giornalisti hanno scritto il libro “L’inganno del Golfo”, un racconto dettagliato dei principali avvenimenti del conflitto del ’91 di cui furono testimoni.

Benedetta Capelli 29 anni ostetrica piacentina ha preso parte alla Missione umanitaria volontaria per conto di Help for Life-ONLUS alla Saint Gebriel Health Clinic di Getche-Etiopia, quindi con “Medici Senza Frontiere” ha partecipato a una missione di dieci mesi nella Repubblica democratica del Congo, in Africa centrale. Rientrata in Italia, è partita per una nuova missione umanitaria di sei settimane sulle navi Sar (Search and rescue) che in mare aperto salvano i migranti. A breve ripartirà per una nuova missione in Medioriente.

La mostra – ATTRAVERSO: La Croce di Lampedusa si fa lente per leggere, scoprire e riscoprire la città di Piacenza, in 50 suggestive immagini di nove fotografi: Angelo Bardini, Annamaria Belloni, Sergio Ferri, Massimo Mazzoni, Giovanni Milani, Ezio Molinari, Carlo Pagani, Roberto Ricci e Filippo Tambresoni.

L’ultimo giorno di apertura è domenica 5 novembre. Galleria Alberoni – Piacenza

 

 

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank