Covid, Murelli (Lega): “Ripristinare l’uso dell’idrossiclorochina”

Ripristino dell’uso dell’idrossiclorochina per la cura dei pazienti Covid-19; qual è lo stato di avanzamento dello studio Tsunami; quali sono i programmi in sperimentazione e che risultati si sono raggiunti.

Radio Sound blank blank blank blank

Lo chiede, in una interrogazione al premier Giuseppe Conte e al ministro della Salute, Roberto Speranza, la deputata della Lega Elena Murelli che l’ha presentata il 17 ottobre.

«L’idrossiclorochina – afferma Murelli – si è già sperimentata con successo all’ospedale di Piacenza. Un altro trattamento che ha dato risultati positivi è stato quello a base di plasma (lo studio Tsunami), sperimentato negli ospedali Poma di Mantova e San Matteo di Pavia. Purtroppo, come apparso sulla stampa, la burocrazia sta frenando i protocolli, senza che le autorità sanitarie intervengano».

L’Aifa (Agenzia del farmaco) ha sospeso l’uso dell’idrossiclorochina dalla fine di maggio sulla base di uno studio, pubblicato da Lancet, su presunti effetti negativi.

«Peccato – incalza Murelli – che quello studio venisse ritirato pochi giorni dopo dalla stessa rivista a fronte delle segnalazioni inviate da centinaia di ricercatori di tutto il mondo che ne hanno contestato la validità». La parlamentare cita poi uno studio dello European journal of medicine «ove si conferma che l’utilizzo precoce di tale farmaco abbassa notevolmente i tassi di mortalità dal 16% circa al 9% circa».

C’è poi un aspetto economico, sottolinea Murelli, non indifferente. “La terapia non prevede ricoveri e può durare una settimana, una confezione poi costa solo 4 euro. Non si capisce perché impedire l’utilizzo di questo medicinale; lo si impiega da decenni per la cura delle malattie autoimmuni e perché l’Aifa sia stata celle nello bloccare il farmaco, ma non altrettanto per rettificare la decisione”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank