Covid, Stragliati (Lega): “A Piacenza la strage andava evitata, da Bonaccini solo parole”

Trasferimento del del reparto di Riabilitazione dell’ospedale di Castelsangiovanni a Fiorenzuola, Stragliati: "Inaccettabile"

“Evidentemente la gestione fallimentare dell’emergenza Covid a Piacenza non ha insegnato nulla a Bonaccini. Altrimenti nelle linee guida di mandato il governatore si sarebbe soffermato maggiormente sulle zone più duramente colpite dalla pandemia; in particolare per illustrare cosa ha previsto per la ripartenza”.

blank

Così, Valentina Stragliati, consigliere regionale della Lega, è intervenuta nell’assise dell’assemblea legislativa di questa mattina. Assemblea durante la quale il governatore, Stefano Bonaccini, ha illustrato le linee guida del suo mandato.

“Dei 4000 morti registrati nella nostra regione ben 1000 erano piacentini; evidentemente a Piacenza qualcosa non ha funzionato nella gestione dell’emergenza e qualcuno dovrà pure spiegarci perchè il sistema sanitario è stato colto così impreparato; il tutto nonostante già dal 31 gennaio scorso il consiglio dei ministri aveva decretato 6 mesi di emergenza sanitaria nazionale”.

Per Stragliati, a Piacenza “la Regione ha lasciato medici, infermieri, personale di strutture pubbliche e private, soli a combattere in trincea; senza dispositivi di protezione individuale”.

“A Piacenza siamo andati avanti grazie alla pervicacia, alla passione e alla dedizione del personale medico, infermieristico e a tutto il personale sanitario; a loro va il nostro più grande ringraziamento. Pertanto, presidente Bonaccini, per situazioni straordinarie sarebbero state necessarie misure speciali e straordinarie che, però, non si sono viste”.

Il nuovo ospedale

Guardando al futuro, “auspico che, finalmente, si realizzi il nuovo ospedale di Piacenza in tempi brevi e gli ospedali periferici non vadano incontro a un ulteriore depotenziamento, anzi. Così come sarà necessario che gli ospedali di Castel San Giovanni, Fiorenzuola d’Arda, l’Osco di Bobbio, importanti riferimenti sanitari territoriali, tornino alla normalita’, cosi’ come i pronto soccorso che, ribadiamo, non possono essere sostituiti con i punti di prima emergenza. In altre parole, Bonaccini faccia tesoro della gestione fallimentare dell’emergenza Covid, cominciando col dedicare più attenzione al territorio di Piacenza. A partire dal mondo imprenditoriale, per il quale è fondamentale dare un supporto alle nostre imprese, che necessitano di semplificazione della burocrazia, maggiore liquidita’ e riduzione della pressione fiscale” ha concluso Stragliati.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank