Difesa del suolo, dalla Regione 6 milioni di euro per 60 interventi in provincia di Piacenza

blank
blank

Lavori in corso in Emilia-Romagna e nuovi cantieri per aumentare la sicurezza del territorio, renderlo resistente alle sfide del cambiamento climatico e prevenire danni ambientali. In più, la possibilità di seguire sul web la situazione delle diverse opere, per ogni singolo comune o provincia, con un portale dedicato.

blank

La Regione presenta un pacchetto da 90 milioni di euro (89 milioni e 900mila euro) che, entro il 2021,porterà alla realizzazione di nuovi interventi di difesa del suolodella costa e Protezione civile su tutto il territorio regionale.

E sono già 492 i cantieri programmati nei primi tre mesi dell’anno, opere importanti per le comunità da Piacenza a Rimini.

E a partire da oggi chiunque voglia, a partire da tutti gli emiliano-romagnoli, potrà seguire le opere in corso e programmate nel proprio Comune. Un’operazione trasparenza che renderà disponibili le schede dettagliate di ogni intervento – con costo, stato dell’opera, soggetto attuatore – sul sito ‘La cura è prevenzione: tutti i cantieri in Emilia-Romagna’, il nuovo spazio web nel portale della Regione Emilia-Romagna: https://www.regione.emilia-romagna.it/territoriosicuro. Qui, attraverso una mappa georeferenziata, è disponibile il dettaglio di tutti i lavori, ovunque nel territorio regionale.

Lavori in corso: 500 cantieri per circa 90 milioni di euro

Per quanto riguarda il dettaglio per provincia, 60 interventi sono previsti per quella di Piacenza per quasi 6 milioni di euro; 47 per quella di Parma con risorse pari a 10 milioni e 854 mila euro; 72 a Reggio Emilia con un finanziamento di 13 milioni 166 mila euro; 125 a Modena, per oltre 23 milioni e 160 mila euro; 50 a Bologna, per un totale di 11 milioni e 700 mila euro; 45 interventi a Ferrara, con un investimento di oltre 6 milioni 400 mila euro; 21 a Ravenna con più di 6 milioni di investimenti; 38 a Forlì-Cesena per 7 milioni 660 mila euro e 24 a Rimini per complessivi 3 milioni e 931 mila euro.

Gli interventi nel Piacentino

Sono in tutto 60 i cantieri di sicurezza del territorio che vedranno la luce nel 2021 in provincia di Piacenza per un totale di quasi 6 milioni di euro. Di questi, 25 riguardano la manutenzione e la cura di fiumi e versanti per oltre 1 milione 260mila euro.

Nel comune dell’Alta Val Tidone sono in programma due interventi: in località Molato, 90mila euro sono destinati ai lavori per il ripristino delle opere di difesa del versante lungo la strada di accesso a valle della diga, mentre in località Nibbiano con 220mila euro sarà completato il ripristino e l’integrazione delle opere idrauliche nel tratto a fronte dell’abitato e in confluenza con il torrente Tidoncello.

A Bettola diversi gli interventi da realizzare: 20mila euro sono impegnati per la messa in sicurezza delle strade comunali nelle località di Rigolo, Missano, Generesso e Chiapuzzi e altri 20mila per il ripristino di strade comunali a Negri, Camia, Tollara e Verognia. Nel capoluogo 220mila euro sono stanziati per il recupero di opere idrauliche danneggiate e alla movimentazione di materiale lapideo lungo il corso d’acqua principale e in                          quelli                       secondari                       nel                       bacino                       del                          Nure.

A Ebbio e Ferrandi si interviene con 140.000 euro per il consolidamento del versante, 200mila serviranno per la sistemazione morfologica e il drenaggio superficiale nella zona di monte della frana di Missano e altri 100mila per lavori urgenti di sistemazione di opere idrauliche e dell’alveo nel torrente Perino e affluenti.

Nel comune di Bobbio sono in programma quattro cantieri: si interviene con 100mila euro per mettere in sicurezza le strade comunali di Fasso e Longarini, con 200mila per la strada comunale di Dezza, più altri 200mila per la provinciale n.16 di Coli per la soglia del ponte sul fiume Trebbia e il consolidamento del manufatto. Infine, 220mila euro sono impegnati per lavori di ripristino dell’officiosità idraulica lungo il fiume, gli affluenti ed i rii minori che interessano anche i territori di Coli, Piacenza e Gossolengo.

Nel comune di Carpaneto, a Genepreto e Nicosi, 25mila euro servono alla messa in sicurezza della viabilità comunale.

A Castel San Giovanni, Sarmato, Borgonovo, Gragnano, Ziano con 150mila euro si finanzia il recupero di opere idrauliche danneggiate oltre a sezionamenti su Lora, Carona e altri rii secondari demaniali.

A Coli, in località Pradella, si interviene con 150mila euro per consolidare la scarpata e ripristinare la sede dell’ex strada statale 45 e con 90mila euro per sistemare il versante a monte della strada di bonifica Villanova- Aglio-Pradovera a Punta Tapparello. Inoltre, 120mila euro sono impegnati per la messa in sicurezza del versante nelle località di Ruei, Quatrocchio, Osera. Altri 50 mila euro serviranno per sistemare un muro stradale ceduto lungo la strada comunale che attraversa la frazione di Pescina

A Corte Brugnatella si investono 180mila euro per la sezione di deflusso e la sistemazione idraulica della sponda destra del Trebbia in località Marsaglia e del torrente Cordarezza oltre a 150mila euro per la strada provinciale n. 586R di Val d’Aveto per lavori urgenti di protezione dai fenomeni erosivi del Rio Grande al km 9+500 e per stabilizzare il cedimento di valle in località Sanguineto.

A Ferriere si finanziano diversi interventi per la viabilità: 50mila euro per la sistemazione della strada comunale Solaro e 70mila per quella di Salsominore. Con 120mila euro, sulla strada provinciale n. 586R della Val d’Aveto, si finanziano lavori urgenti di protezione della sede stradale dalla caduta massi alla progressiva km 7+600 e in tratti adiacenti, mentre altri 50mila sono investiti per la provinciale n.654R di Val Nure con l’obiettivo di mettere in sicurezza il piano viabile alla progressiva km 51+000con un primo stralcio di opere. Invece; in località Ciregna, 20mila euro sono destinati al ripristino dell’efficienza idraulica del Rio Torrentizio. A Gropparello è in programma la messa in sicurezza della strada comunale di Cà Bianconi con 130mila euro. Nel comune di Lugagnano 120mila euro serviranno per le strade comunali del Parco provinciale, Antognano, Diolo e Montezago.

A Morfasso 70mila euro finanziano l’intervento di recupero del muro di sostegno adiacente alla viabilità comunale e altri 80mila la ricostruzione del reticolo idraulico superficiale e la sistemazione morfologica della frana di Colombello.

A Ottone si investono 500mila euro per il rifacimento del ponte sul Torrente Boreca lungo la strada comunale per Tartago, oltre a 240mila euro per il ripristino della sezione di deflusso e delle opere idrauliche su Trebbia e affluenti. E’ infine di 50mila euro l’importo stanziato per la messa in sicurezza strada comunale di Barchi. A Piozzano vanno 120mila euro per la transitabilità della strada comunale di Poviago nelle località di Sordello, Case, Colombani.

A Travo servono 85mila euro per consolidare e ripristinare le strade comunali a Costa del Grillo, Missano, Roccolo, Caverzago, Vei, Fellino, Campadello e Donceto.

A Vernasca con 100mila euro si metteranno in sicurezza la viabilità nelle località Bravi, Rosi e Gallosi. Infine, a Zerba sono previsti 250mila euro di lavori urgenti in vari tratti della strada provinciale n. 18.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank