Giornata mondiale contro lo spreco di cibo, giornata alla Cattolica

Manca una manciata di giorni alla 7° giornata nazionale e mondiale del contrasto dello spreco alimentare, il 5 febbraio 2020, e Piacecibosano APS si prepara mettendo in tavola LA RICETTA SOSTENIBILE 2020 per Salvare il Pianeta e facilitare così un percorso di sensibilizzazione e di consapevolezza della prevenzione dello spreco di cibo per tutti gli attori della filiera ristorativa e agroalimentare, iniziato ormai 8 anni fa.

blank

Per tutti i consum-attori, nel 2013 Piacecibosano, lancia RicibiAMO “chi AMA il cibo NON lo SPRECA”, progetto di condivisione territoriale dell’associazione, sviluppato da Miriam Bisagni, sociologa e presidente di Piacecibosano e Lucrezia Lamastra, ricercatrice dell’Università Cattolica, con il supporto scientifico del Centro di Ricerca per lo sviluppo sostenibile OPERA dell’Università Cattolica, diretto dal prof. Ettore Capri, per la diffusione di una elegante Family Bag per portarsi a casa dal ristorante il cibo non consumato ed evitare che finisca nel cestino. Il progetto pilota, è stato inserito nel 2014 nel PINPAS (Piano Nazionale di prevenzione degli sprechi alimentari del Ministero dell’ambiente).

Il 5 febbraio sarà anche la giornata della sfida finale dei piatti per la Miglior Ricetta RicibiAMO, contest alla 3° edizione, ideato proprio per sensibilizzare tutte le categorie di chef a contrastare lo spreco di cibo. Saranno 3 le categorie di cuochi  ANTISPRECO a contendersi il 1° Premio: chef professionisti, futuri chef, chef di casa.

blank

Chi può darci una mano a smuovere la consapevolezza per migliorare i nostri comportamenti evitando di buttare il cibo nel cestino? Una comunicazione efficace friendly, smart ci aiuta a tenere attive le nostre sinapsi e suggerirci come ognuno di NOI può dare il suo contributo per Salvare il Pianeta!

Eh si proprio così, ognuno di noi deve essere CONSAPEVOLE di doversi impegnare di più nel contrastare lo spreco di cibo! I dati parlano chiaro, lo spreco di cibo vale 15 miliardi e 0,88% del PIL. Purtroppo rimane molto da fare dato che la hit parade degli sprechi la conquista il cibo per il 74% degli italiani, piazzandosi così al primo posto degli sprechi nel sondaggio 2019 di SprecoZero. Seguono lo spreco idrico (52%), gli sprechi nella mobilità (25%), di energia elettrica (24%) e in generale legati ai propri soldi (16%). Anche se qualcosa nella consapevolezza dello spreco di cibo si è mosso, perché nel 2014, 1 italiano su 2 dichiarava di gettare cibo quasi ogni giorno, nel 2019 solo l’1% degli intervistati dichiara di cestinare il cibo quotidianamente. Alla sostenibilità del Pianeta dobbiamo contribuire tutti, ma ognuno deve fare la sua parte, visto che ognuno spreca 65Kg di cibo all’anno soprattutto per un comportamento sbagliato a casa e al ristorante. Nella ristorazione avviene durante la fase di preparazione degli alimenti (45% del totale), o nei piatti dei clienti (34%), o per deterioramento dei cibi (21%), si afferma in uno studio di Lumsa e Roma Tre. Non tutti i ristoratori sono consapevoli che limitare gli sprechi porti a un risparmio economico. Ancora ampio il gruppo di coloro che non sanno che per ogni dollaro investito nella riduzione degli sprechi alimentari c’è un ritorno dell’investimento fino a 14 volte superiore, e il settore ristorativo appare tra le attività imprenditoriali con i rientri maggiori.

La giornata del 5 febbraio presso l’Università Cattolica (sala Piana) si aprirà alle ore 9,00, mentre gli chef daranno vita alle loro ricette per la giuria, i riflettori saranno puntati su “Tinto”, comunicatore e conduttore radiofonico e televisivo di FRIGO su Rai 2, che gestirà lo speech qual è “la Ricetta Sostenibile 2020?” con ospiti eccellenti: lo chef Excecutive Filippo Sinisgalli di Il Palato Italiano, il prof. Ettore Capri, professore ordinario, esperto nazionale e internazionale di sostenibilità dell’Università Cattolica, la giornalista di Lifestyle e Food and Wine Fernanda Roggero di Sole 24 Ore e il giornalista e critico enogastronomico Paolo Massobrio direttore del portale www.IlGolosario.it.

Dalle 11,00 ci sposteremo presso la Residenza Gasparini (casale a lato dell’Università Cattolica) per la gara degli 11 chef finalisti pronti per il tasting della giuria tecnica presieduta da Filippo Sinisgalli Ehef Excecutive il Palato Italiano, e composta da Paola Gazzolo già Assessore all’Ambiente Regione Emilia Romagna, Fiamma Valentino Ministero dell’Ambiente AT Sogesid, Bruno Ruffini docente di ALMA Scuola Internazionale di Cucina, Isabella Chiussi Past Winner chef 2019, Margherita Dall’Asta tecnologa alimentare UCSC, Elisa Storti per il Gola Gola Festival 2020,  Paolo Massobrio Il Golosario e Fernanda Roggero Food e Wine Sole 24ORE.   

La giornata termina alle 13.00 con la premiazione degli chef della Miglior Ricetta RicibiAMO 2020 e il buffet brunch antispreco e sostenibile organizzato dalla Scuola Alberghiera Ranieri Marcora di Piacenza.

Il contest mette in palio un posto alla summer school nell’accademia Alma 2020 per il futuro chef, un buono per la partecipazione (con differente valore commerciale) dello chef e lo chef di casa ad eventi di cucina sostenibile, a scelta del comitato direttivo RicibiAmo composto da UCSC Ettore Capri – prof ordinario UCSC, dott.ssa Lucrezia Lamastra ricercatrice UCSC – dott.ssa Miriam Bisagni sociologa e presidente Piacecibosano.

Alla riuscita della giornata all’insegna della sostenibilità e del contrasto dello spreco di cibo collaborano le scuole alberghiere del Ducato di Parma e Piacenza: Ranieri Marcora di Piacenza, Magnaghi di Salsomaggiore Terme, lo IAL Regione Emilia Romagna di Piacenza, i Comitati territoriali di IREN di Parma e Piacenza e gli sponsor Pizza 1+ e Metro Cash and Carry Italia e la cantina certificata sostenibile VIVA Vicobarone di Ziano Piacentino. L’evento è patrocinato dal Ministero dell’Ambiente e dall’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank