“Grazie alla Banca di Piacenza che investe in cultura facendo crescere il territorio e la sua comunità” Inaugurata la mostra del pittore piacentino Giacomo Bertucci

«Grazie alla Banca di Piacenza che da tanti anni investe le proprie risorse – private – nella cultura, dando un contributo fondamentale alla crescita del territorio. Una scelta consolidata che consente alla nostra comunità di ritrovarsi e confrontarsi con la nostra storia: è un grande investimento per rafforzare radici e identità da lasciare alle generazioni future, affinché non abbiano complessi d’inferiorità». E’ con queste parole che il ministro Paola De Micheli ha portato il suo saluto all’inaugurazione della mostra di Palazzo Galli dedicata quest’anno al pittore piacentino Giacomo Bertucci e alla quale sono intervenuti i parlamentari Giancarlo Giorgetti e Tommaso Foti e le maggiori autorità cittadine, dal prefetto, al questore, al comandante dei Carabinieri, al comandante del Genio Pontieri e a numerosi altri.

Il presidente esecutivo dell’Istituto di credito di via Mazzini Corrado Sforza Fogliani ha ringraziato – anche a nome del presidente del Cda Giuseppe Nenna – il ministro, i parlamentari, le altre autorità e tutti gli intervenuti alla cerimonia inaugurale della rassegna, aperta a chiusa dalle allieve dell’accademia di danza Domenichino, alle fine applauditissime insieme alle loro insegnanti. «Sono 14 anni – ha sottolineato il presidente Sforza – che la Banca apre a soci e clienti, ma anche ai non clienti, la mostra puntualmente ogni secondo sabato di dicembre. Quest’anno è dedicata a Bertucci, che il nostro Arisi definiva tra i migliori pittori piacentini. L’anno prossimo valorizzeremo altri due artisti che lo meritano: Felice Boselli e Bartolomeo Arbotori».

La curatrice della mostra Valeria Poli ha spiegato la scelta di Giacomo Bertucci, allievo del Ghittoni, già valorizzato con la mostra organizzata sempre della Banca: «Abbiamo voluto, ricostruendo la figura professionale dell’artista, dare valore al ruolo formativo dell’Istituto Gazzola, di cui Bertucci fu allievo e poi insegnante. E da insegnante non amava gli autodidatti, ma sosteneva che occorre lavorare con passione e metodo. Il pittore aveva un forte legame con la tradizione e con Piacenza».

Laura Bonfanti, che ha coadiuvato la prof. Poli nella curatela della mostra, ha definito Bertucci una figura di spicco del XX secolo, con una produzione pittorica molto vasta che possiamo trovare in diversi musei piacentini e non, «come la Galleria Ricci Oddi, la Galleria Alberoni, il Museo Gazzola e i musei di Ravenna e Gallarate».

Carlo Ponzini, che ha curato l’allestimento della mostra, ha dal canto suo posto l’accento sulla creazione del brand Palazzo Galli, «centro civico e di cultura» e sul percorso della rassegna che guida il visitatore alla scoperta non solo dello stile e dei temi trattati da Bertucci, ma anche delle relazioni avute con altri artisti: Ghittoni, de Pisis, Carpi, Cassinari, Ricchetti.

Il figlio del pittore, Rinaldo Bertucci (il bambino ritratto nel dipinto che è diventato il logo della mostra) ha molto ringraziato la Banca e tutti coloro che hanno, con loro lavoro, reso possibile «questa grande mostra a cui tengo particolarmente». Dopo aver ricordato l’emozione provata nel vedere, in fase di preparazione, le fotografie dei quadri dei prestatori («che per un figlio di un pittore, che li vede realizzare, diventano come dei fratellini»), Rinaldo Bertucci ha chiuso la sua testimonianza citando una frase che suo papà amava ripetere: «La più grande sconfitta per un pittore non è morire, ma essere dimenticato. Grazie a questa mostra, ora sarà per sempre ricordato».

Domani apertura ufficiale della mostra (dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 19), con visite guidate che si terranno alle ore 11 e alle ore 16.30.

“GIACOMO BERTUCCI TRA GHITTONI E DE PISIS”

Palazzo Galli, via Mazzini 14 – Piacenza – 15 dicembre 2019-19 gennaio 2020

Mostra a cura di

Valeria Poli con Laura Bonfanti

Allestimento e grafica Carlo Ponzini

con assistenza tecnica di Enrico Bertonazzi

Coordinamento organizzativo

Cristina Bonelli, Lavinia Curtoni

Ufficio stampa

Emanuele Galba

Manifestazioni collaterali

Maria Teresa Sforza Fogliani

Coordinamento tecnico

Roberto Tagliaferri

ORARI

Dal martedì al venerdì dalle 16 alle 19; sabato e festivi dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 19; giorni di chiusura 24, 25, 31 dicembre e 1 gennaio

Ingresso libero per Soci e Clienti della Banca di Piacenza

Per i NON CLIENTI ingresso con biglietto nominativo richiedibile esclusivamente al sito WWW.BANCADIPIACENZA.IT

Visite guidate la domenica mattina (ore 11) e pomeriggio (ore 16.30), visite guidate per i Soci della Banca e per scuole e associazioni: prenotazioni all’Ufficio Relazioni esterne (0523 542357 – relaz.esterne@bancadipiacenza.it).