Iren, investimenti per oltre 27 milioni di euro e trenta assunzioni in un anno

E’ stato presentato il Bilancio di Sostenibilità/Dichiarazione non finanziaria 2018 di Iren. Bilancio che rendiconta le performance economiche, ambientali e sociali del Gruppo. Rappresenta uno strumento di monitoraggio degli obiettivi del Piano Industriale al 2023, che assume la sostenibilità come pilastro strategico di sviluppo; ma anche di confronto partecipato con il territorio e tutti gli stakeholder.

Decarbonizzazione

Sul fronte della decarbonizzazione, rispetto al 2017, il Gruppo ha ridotto del 3% i consumi energetici diretti. Ottenendo un risparmio complessivo di oltre 558.000 tonnellate di petrolio equivalente. Ridotte anche le emissioni di CO2 derivanti dai processi produttivi. Mentre sono state più di 2,4 milioni le tonnellate di CO2 evitate. La produzione energetica da fonti eco-compatibili (rinnovabili o assimilate) si è attestata all’87% della produzione totale; contro una media nazionale del 35%, generando rilevanti effetti positivi nella riduzione delle emissioni.

Per quanto riguarda l’economia circolare, il Gruppo ha focalizzato il proprio impegno sulla crescita della raccolta differenziata. Ma anche sull’estensione della tariffazione puntuale, sull’incremento del recupero di materia e sulla valorizzazione energetica dei rifiuti non recuperabili. In provincia di Piacenza, dove Iren serve circa 286mila abitanti, la raccolta differenziata a fine 2018 ha raggiunto il 67,3%; rispetto a una media nazionale del 55,5%. Un livello che supera l’obiettivo del 65% fissato dall’Unione Europea per il 2035.

Uso sostenibile delle risorse

Per un uso sostenibile delle risorse idriche, il Gruppo ha concentrato il focus sull’eccellenza nella gestione delle reti acquedottistiche. Ma anche sulla riduzione dei prelievi di acqua dall’ambiente, oltre che sull’incremento della qualità della depurazione. Rispetto al 2017, grazie ad azioni mirate, Iren ha abbattuto del 2,5% i consumi di acqua destinata ai processi produttivi. Ha ridotto del 2,5% i prelievi di acqua dall’ambiente per la distribuzione ad uso potabile. Con un conseguente risparmio di 400 tonnellate di petrolio equivalente grazie a importanti investimenti e interventi sulle reti acquedottistiche.

Nel servizio idrico integrato, il Gruppo ha servito 2,8 milioni di abitanti, di cui oltre 284mila in provincia di Piacenza prestando particolare attenzione alla qualità dell’acqua. Sono infatti oltre 424mila i parametri analizzati in un anno sulle acque potabili dell’Emilia. Il potenziamento e il rinnovamento del parco impianti di depurazione, a oggi più di 1.300 (433 quelli a Piacenza), ha inoltre permesso di migliorare la capacità depurativa e restituire “acqua pulita” all’ambiente. A questo si aggiungono importanti progetti per il risparmio di risorse, quale ad esempio il recupero delle acque di depurazione a scopi irrigui, che ha consentito di riutilizzare circa 6 milioni di metri cubi di risorsa (+10% rispetto al 2017) per colture di qualità.

Teleriscaldamento

Nell’ottica di accrescere la resilienza delle città, nel 2018 Iren ha investito nell’estensione del teleriscaldamento urbano. Ha raggiunto 93,7 milioni di metri cubi di volumetrie servite, in crescita dell’8% rispetto al 2017. Con un conseguente impatto positivo sulla qualità dell’aria cittadina (16mila gli abitanti serviti in provincia di Piacenza). L’ammodernamento dei sistemi di illuminazione pubblica ha inoltre consentito in diversi comuni di ridurre la spesa energetica; risparmiando 3.000 tonnellate di petrolio equivalente (Tep), che si aggiungono al risparmio di oltre 1.130 Tep derivanti dalla riqualificazione degli impianti termici di 100 edifici pubblici. Infine, ha preso il via il il progetto IrenGo, che offre una vasta gamma di servizi a clienti e cittadini.

Attenzione alle persone

L’attenzione alle persone si conferma un elemento centrale per Iren. Come testimoniato dall’assunzione di 313 nuove risorse (72% sotto i 30 anni), di cui 30 a Piacenza. Ma anche da un programma di formazione che ha coinvolto il 95% degli oltre 7.000 dipendenti (di cui 540 in provincia di Piacenza). Mentre 300 persone hanno partecipato al progetto sperimentale di smart-working.

Particolarmente positivo il tasso di soddisfazione globale dei clienti – attestatosi al 90%. Questo grazie anche agli importanti investimenti effettuati, pari a 447 milioni di euro. Così come significative sono le ricadute territoriali. Nel 2018 il Gruppo ha emesso ordini per oltre 725 milioni di euro (+7% rispetto al 2017), di cui 27,7 milioni in provincia di Piacenza. Ha realizzato più di 60 progetti di educazione alla sostenibilità, coinvolgendo più di 560 scuole (circa 3mila studenti a Piacenza), ed è stato in prima linea in più di 260 iniziative in ambito culturale, sportivo e ambientale, con un investimento di oltre 9,5 milioni di euro, di cui il 29,4% in Emilia.