Linea ferroviaria Piacenza – Alessandria, tecnologie all’avanguardia per gestire la circolazione

blank

Nuove tecnologie per la gestione della circolazione ferroviaria sulla linea Piacenza – Alessandria.

blank

È attivo da domenica, sulle tratte Voghera-Piacenza e Bressana-Broni, il nuovo Apparato Centrale Computerizzato Multistazione (ACCM), uno dei sistemi di massimo livello utilizzati da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) nel settore del segnalamento ferroviario. Tra i benefici di questa nuova tecnologia di ultima generazione – considerata una vera e propria “cabina di regia” – l’incremento dell’affidabilità dell’infrastruttura e una migliore gestione del traffico dei treni in termini di regolarità e puntualità.

Oltre 50 i tecnici di RFI impegnati nella realizzazione del nuovo impianto – già attivato fra le stazioni di Arena Po e di Castel San Giovanni (dicembre 2019) e fra Broni e Stradella (gennaio 2018) – ora esteso anche alle stazioni di San Nicolò (linea Alessandria-Piacenza) e Pinerolo Po (linea Bressana-Broni).

A corredo del nuovo impianto sono stati realizzati l’upgrade delle apparecchiature di segnalamento e l’aggiornamento agli ultimi standard normativi del Sistema di Controllo della Marcia del Treno (SCMT).

Proseguono ora i lavori di miglioramento dell’accessibilità nelle stazioni, con il completamento di due passerelle pedonali che collegano le banchine nelle stazioni di Rottofreno e S. Nicolò e il nuovo sottopasso pedonale nella stazione di Sarmato, aperto da qualche giorno e già predisposto per l’installazione di nuovi ascensori che, insieme all’innalzamento dei marciapiedi, completeranno l’abbattimento delle barriere architettoniche nella stazione.

Oltre 32 milioni di euro l’investimento complessivo

L’ACCM

  • Un Apparato Centrale Computerizzato Multistazione gestisce più stazioni da un Posto Centrale –  che concentra le funzioni e le logiche di tutti gli impianti controllati – e una serie di Posti Periferici dislocati in corrispondenza dei piazzali e collegati tipicamente con reti a fibra ottica.
  • Un ACCM quindi, di norma, gestisce una linea o un Nodo Ferroviario da un Centro dove di solito sono concentrati tutti gli Operatori della Circolazione. Da tale Centro è possibile impartire e ricevere Comandi/Controlli sicuri a tutti gli impianti controllati come se si fosse nella Postazione Locale.
  • L’Apparato Centrale Computerizzato Multistazione garantisce maggiore flessibilità nell’utilizzo dei binari e, in caso di guasti, riduce al minimo i disservizi, permettendo ai treni di viaggiare a livello di massima sicurezza previsto dalle normative vigenti (Safety Integrity Level 4, norme IEC 61508). Benefici previsti anche nei processi di manutenzione dell’infrastruttura, grazie a sistemi informatici di diagnostica predittiva che consentono di individuare in anticipo un eventuale guasto, riducendo così l’insorgenza di avarie improvvise.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank