Piacenza – Vicenza, una partita d’altri tempi

Piacenza - Vicenza

Il Piacenza di Franzini si lecca le ferite, ma vuole subito ripartire per non perdere ulteriore terreno da una vetta della classifica che ad oggi dista ben 8 punti. La sconfitta di San Benedetto del Tronto ha fatto suonare diversi campanelli d’allarme: i biancorossi subiscono troppe reti su palle inattive, ma soprattutto non hanno ancora il killer instinct per chiudere le partite che riescono a sbloccare. Due aspetti su cui il tecnico di Vernasca vorrà sicuramente delle risposte dai suoi calciatori, a cominciare dalla partita di domenica pomeriggio contro il Vicenza.

ASCOLTA PIACENZA – VICENZA su RADIO SOUND, diretta dalle 17:30, all’interno del programma sportivo STADIO SOUND, la trasmissione dello sport piacentino

Piacenza, al “Garilli” fari puntati sul big match della nona giornata!

Non ci sono partite semplici in serie C, questo è vero, ma quella contro il Vicenza lo è più di molte altre. Una gara che dal punto di vista degli stimoli si prepara da sola. Si tratta della sfida alla viceregina del campionato, che sta mantenendo i pronostici della vigilia del campionato con un ruolino di marcia da vera protagonista. Guidati da un tecnico da serie A come Domenico Di Carlo, i vicentini sono ancora imbattuti in questo campionato con 5 successi e 3 pareggi. Solito schierarsi con il 4-3-1-2 il Vicenza concede ben poco spazio agli avversari, come testimoniano i gol incassati: appena 4 in 8 giornate di campionato, meno della metà ci quelli subiti dal Piacenza (10 ndr).
Il Vicenza non ha un goleador di spicco come Paponi che guida  dall’alto dei suoi 8 centri la classifica cannonieri, ma trova il bersaglio grosso anche con i centrocampisti. Ad oggi  sono ben 8 i giocatori della formazione lombarda ad aver già trovato almeno una volta la gioia del gol in questo campionato.
Insomma servirà una partita senza sbavature da parte dei padroni di casa che dovranno stare bene attenti a non ripetere gli errori della scorsa settimana

Una sfida d’altri tempi…

Piacenza –  Vicenza è una sfida dal fascino particolare. Una partita tutta biancorossa che in passato ha regalato alle tifoserie spettacolo in serie A. Il Piacenza tutto italiano degli anni Novanta ebbe ragione dei vicentini per l’ultima volta nella massima serie nel 1998 (2-0) con reti di Polonia e Dionigi. Piacenza – Vicenza è stata anche una partitissima della serie cadetta: dal 2003 al 2011 le due compagini si sono affrontate ben 16 volte! L’ultimo confronto allo stadio “Garilli” risale al 6 novembre del 2010. Il Piacenza di Madonna in attacco schierò Graffiedi e quel Daniele Cacia che ritroveremo anche domenica prossima. Finì 4-1 e l’attaccante biancorosso all’epoca fece una partita clamorosa, realizzando una tripletta e confezionando anche l’assist per Bianchi.
Una partita che manca da ben 8 anni e che domenica sera, ne siamo certi, rievocherà nella memoria di molti tifosi tanti ricordi. Poi però conterà il presente e con esso il campo. I tre punti fanno gola a tutte e due le contendenti. Ai piacentini per tornare a respirare l’aria d’alta quota della C, agli ospiti per rimanere agganciati alla capolista Padova che da loro dista solo 4 lunghezze

Vicenza, una società con grandi ambizioni

Dopo 20 anni tra serie A e B il Vicenza nel 2013 è tornato in Lega Pro, ma l’anno successivo è stato ripescato nella serie cadetta dove è rimasto fino al 2017. Nel 2018 si è salvato passando per i playout, ma il club subisce il fallimento societario. Alla vecchia proprietà subentra il Bassano che rileva i cespiti della vecchia società all’asta di liquidazione, cambiando denominazione in L.R. Vicenza Virtus S.p.A. e trasferendo la sede sociale a Vicenza. Lo scorso anno dopo l’ottavo posto della regular season la corsa del “Micio” si è fermata al primo turno dei playoff, quest’anno però le ambizioni del club sono di tutt’altra natura…

Qui Piacenza, Franzini conferma il 5-3-2

Ormai collaudato il sistema di gioco dei biancorossi. In attacco sembra irrinunciabile la carta Paponi. L’attaccante è in forma straordinaria ed è capocannoniere della serie C. Dovrebbe partire dal 1’ anche Daniele Cacia da cui ci si aspetta moltissimo e che, al momento, ha segnato un solo gol in questo campionato. Non ci sarà invece Del Favero, impegnato con la Nazionale U21

(5-3-2) Bertozzi, Zappella, Della Latta, Milesi, Pergreffi, Imperiale, Nicco, Bolis, Cattaneo, Paponi, Cacia

Nona giornata di campionato, serie C, girone B

sabato 12 ottobre, ore 20:45
Padova – Ravenna

domenica 13 ottobre, ore 15:00
Fano – Rimini
Cesena – Sambenedettese
FeralpiSalò – Sudtirol
Gubbio – Carpi
Reggiana – Triestina
Virtus Verona – Vis Pesaro

domenica 13 ottobre, ore 17:30
Arzignano – Modena
Fermana – Imolese
Piacenza – Vicenza

Classifica

Padova 22; Vicenza 18; Reggiana e Sudtirol 16; Sambenedettese 15; Piacenza e Carpi 14; Cesena, Ravenna, Virtus Verona e Triestina 10; Fano, Modena e FeralpiSalò 9; Pesaro e Fermana 8; Gubbio e Rimini 6, Arzignano 4; Imolese 2