Dall’8 al 10 giugno Pipeline & Gas Expo e Hydrogen Expo: “Piacenza Expo si conferma fiera di livello internazionale” – AUDIO

Presentata oggi nella sala conferenze di Confindustria Piacenza la seconda edizione del PIPELINE & GAS EXPO (PGE), la mostra-convegno interamente dedicata ai settori del “Mid-Stream” e delle reti distributive del“Oil & Gas”, ma anche di quelle idriche, in programma dall8 al 10 giugno 2022 negli spazi del Padiglione Uno del Piacenza Expo. La tre giorni si svolgerà in contemporanea con la prima edizione dell’HYDROGEN EXPO (Padiglione Due),la mostra-convegno italiana rivolta al comparto tecnologico per lo sviluppo della filiera dell’idrogeno. A introdurre le due innovative fiere, il Sindaco di Piacenza, PATRIZIA BARBIERI, FRANCESCO ROLLERI e NICOLA PARENTI, rispettivamente Presidente e Vice Presidente di CONFINDUSTRIA PIACENZA, GIUSEPPE CAVALLI, Presidente di PIACENZA EXPO e FABIO POTESTA’, Direttore di MEDIAPOINT & EXHIBITIONS, società organizzatrice dei due eventi.

“Sono due mostre-convegno, due eventi in un’unica organizzazione e la prima fiera in assoluto in Europa dedicata all’idrogeno. Piacenza Expo riparte sempre più forte di prima, con questo evento che conferma il nostro ente come soggetto degno di rispetto a livello mondiale. Abbiamo approvato l’aumento di capitale con nuovi soci, e abbiamo approvato il bilancio 2021 con oltre un milione di positivo, un bilancio che non si vedeva da più vent’anni a Piacenza Expo. Una fiera che lavora sempre di più per il territorio e per l’economia piacentina”, commenta Giuseppe Cavalli, amministratore unico di Piacenza Expo.

blank

Con 200 espositori già confermati, le due mostre-convegno sono state volutamente concepite da MEDIAPOINT & EXHIBITIONS negli stessi giorni e in spazi attigui per favorire la creazione di un network produttivo, offrendo un terreno di incontro e scambio sinergico tra produttori e operatori del mondo “Oil, Gas & Water” (con PIPELINE & GAS EXPO) e i protagonisti della filiera dell’idrogeno (con HYDROGEN EXPO). La politica di decarbonizzazione tesa a ridurre l’inquinamento globale vede nell’idrogeno una fonte di energia sostenibile, poiché può essere generato utilizzando energia rinnovabile, trasportato, immagazzinato e utilizzato come un gas.

«Già da anni, avevamo rilevato la mancanza di una manifestazione anche a livello europeo dedicata al “Mid-Stream” e alla “Utility Construction”, un comparto tecnologico, industriale ed economico di enorme rilevanza, soprattutto perché fortemente collegato con la tematica energetica», puntualizza Fabio Potestà«Non vi è dubbio, comunque, che la particolare situazione geo-politica che stiamo affrontando in questo momento, ne acuisce ulteriormente l’importanza, soprattutto per il nostro Paese che rischia di pagare le conseguenze più gravi sia a causa della forte dipendenza dal gas proveniente dalla Russia. L’aver affiancato l’evento PIPELINE & GAS EXPO all’HYDROGEN EXPO costituisce un ulteriore valore aggiunto per tutti coloro che verranno a visitare le mostre piacentine e, soprattutto, per quelli che appartengono alle imprese più energivore, la cui sopravvivenza è così fortemente collegata ai costi della cosiddetta bolletta energetica». 

Si fa un gran parlare di energie, che significato ricopre questa fiera in questo periodo storico?

“La fiera Pipeline & Gas Expo è una sfida iniziata nel 2018 (l’edizione inaugurale doveva essere nel 2020, annullata a causa del Covid). Poi, nel frattempo, c’è stata questa intuizione in merito alla fiera dedicata all’idrogeno, Hydrogen Expo. Senza dubbio è attualmente un tema molto sentito, se pensiamo che l’Italia dipende per il 46% dal gas russo: evidentemente questo gap dovrà essere coperto in qualche modo. E tra le duecento aziende presenti a queste fiere ci saranno aziende leader nei rispettivi settori”. Commenta Podestà.

Un connubio dalle grandi prospettive nell’ottica della sfida ambientale, ma che, per poter esprimere tutto il proprio potenziale, ha bisogno di un confronto diretto con le istituzioni. Le quali infatti giocheranno un ruolo da protagoniste nella tre giorni piacentina. Non a caso, sia PGE sia HYDROGEN EXPO godono dei patrocini, tra gli altri, di ben 3 Ministeri (Ministero del Lavoro e delle Politiche SocialiMinistero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili e Ministero della Transizione Ecologica), della Enea e di quello della Conferenza della Regioni e delle Province Autonome, della Regione Emilia-Romagna e del Comune di Piacenza.

«Il tema dell’idrogeno è una nuova sfida per le politiche energetiche. Come città di Piacenza siamo particolarmente interessati, avendo sul nostro territorio reti Snam che potrebbero essere utilizzate per lo stoccaggio», spiega il Sindaco di Piacenza, PATRIZIA BARBIERI, «Ma per poter attuare questo tipo di iniziative bisogna condividerle non solo tra istituzioni, ma anche col mondo imprenditoriale. Quindi noi agevoliamo i contatti per portare a casa risultati concreti».

Il PIPELINE & GAS EXPO (Padiglione 1) raccoglierà le imprese coinvolte nella progettazione, costruzione e manutenzione di gasdotti, oleodotti e acquedotti, ma anche reti di distribuzione gas (primarie e secondarie) e idrica e i relativi fornitori di impianti, macchine, attrezzature e materiali. HYDROGEN EXPO, pur essendo alla prima edizione, si è imposto da subito come palcoscenico privilegiato per tutta la giovane filiera dell’idrogeno, l’interlocutore principe per quelle industrie “energivore”, oggi penalizzate dalla congiuntura internazionale, che possono trovare nella tecnologia dell’idrogeno una risposta ai loro bisogni.

«Oggi registriamo tante difficoltà soprattutto per quanto riguarda le imprese energivore, il costo industriale aumenta in modo esponenziale e non sempre si riescono a ribaltare i costi sul cliente. Ma fortunatamente non abbiamo più aziende che temevano di dover sospendere la produzione. Tutti, in un modo o nell’altro, sono riusciti a riorganizzarsi», commenta il dottor FRANCESCO ROLLERI, Presidente di CONFINDUSTRIA PIACENZA. E sono proprio questi gli imprenditori che guardano con fiducia alle potenzialità dell’idrogeno quale fonte energetica alternativa. Aggiunge infatti ROLLERI: «Sicuramente l’idrogeno è una delle opportunità che presenta l’immediato futuro. Non siamo più nel campo della ricerca e sviluppo. Esistono già applicazioni in fase di test, perciò dobbiamo lavorarci in modo coordinato, perché abbiamo bisogno di fonti alternative adesso».

Il fitto palinsesto di incontri e convegni che affianca le due kermesse piacentine è stato concepito per offrire momenti di riflessione e confronto sulle tematiche inerenti al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e alla riconversione ecologica. Durante i workshop, esperti del settore e aziende tenteranno di proporre una risposta sistemica alla sempre più pressante richiesta di riduzione delle fonti di inquinamento atmosferico. Naturalmente non potrà mancare una riflessione sull’attuale congiuntura internazionale, dovuta alla crisi ucraina.

Mercoledì 8 Giugno, in concomitanza con l’inaugurazione delle due manifestazioni, si terrà presso la bellissima Sala degli Arazzi della Galleria Alberoni di Piacenza, la cena di gala riservata ai partecipanti dei due eventi,che darà modo agliespositori di fare “networking” in un’atmosfera conviviale e rilassata.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank