Completata la pista ciclabile fra il ponte Paladini e Gragnanino – FOTO

blank

Con l’installazione del nuovo portale semaforizzato, la Provincia ha completato la realizzazione della nuova pista ciclopedonale di collegamento fra il Ponte Palladini, in sponda sinistra del fiume Trebbia e il santuario della Madonna del Pilastro; all’inizio del centro abitato di Gragnanino, lungo la strada provinciale n.7 di Agazzano.

blank

Le caratteristiche tecniche

La nuova pista ciclabile bidirezionale potrà essere percorsa in condizioni di sicurezza da parte dell’utenza; partendo da Piacenza potrà raggiungere in modo agevole l’abitato di Gragnanino. La pista ha una lunghezza complessiva di circa 1700 metri e una larghezza utile di 2,60 metri; a ciò si aggiungono banchine laterali di larghezza pari a 0,50 metri. Si sviluppa prevalentemente su sede propria e, nel tratto costeggiante la strada provinciale n. 7 di Agazzano, è da questa separata da una barriera di sicurezza in calcestruzzo. La nuova pista è illuminata nel tratto fra la loc. Sordello e il santuario della Madonna del Pilastro mediante 13 punti luce montati su pali in acciaio.

Un elemento caratterizzante dell’intervento è costituito dal portale semaforizzato collocato fra il santuario e il cimitero di Gragnanino, con funzionamento a chiamata; consente l’attraversamento della strada provinciale da parte dei ciclisti e dei pedoni in condizioni di sicurezza; ma anche mantenendo di norma, il segnale verde sulla Provinciale, in modo da non causare inutili arresti della circolazione.

I tecnici hanno realizzato la traversa superiore del portale in modo tale da consentirne un agevole smontaggio nel caso di eventuale transito di trasporti eccezionali di altezza superiore a 5,50 metri. Il nuovo attraversamento ciclopedonale illuminato e protetto migliorerà, inoltre, la sicurezza dei cittadini che si recano al cimitero di Gragnanino.

Il progetto

L’importo complessivo dell’investimento ammonta a 450.000,00 euro, comprensivo di lavori, Iva ed espropri, la maggior parte del quale derivante dal cosiddetto “Tesoretto”, costituito dai fondi che il CIPE eroga annualmente alla Provincia di Piacenza a titolo di compensazione per la presenza sul proprio territorio della ex centrale termonucleare di Caorso. Tali risorse, lo si ricorda, devono essere destinate al contenimento delle emissioni in atmosfera, anche tramite la realizzazione di nuovi percorsi ciclopedonali.

La progettazione dei tecnici dell’Ente come pure la Direzione dei Lavori, è stata eseguita in conformità alle normative vigenti. Soddisfazione del Presidente Barbieri “Un intervento atteso da tempo che renderà più sicuro e agevole il collegamento per l’utenza ciclopedonale fra il nuovo ponte e la viabilità provinciale, riducendo i rischi per la circolazione stradale. Una soluzione tecnica apprezzabile che coniuga sicurezza e sostenibilità ambientale”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank