Una russa e l’altra ucraina, tra le piccole compagne di classe è subito amicizia: scene (magiche) dal primo giorno di scuola. I saluti della giunta alle scuole

“Condividere le emozioni degli alunni che abbiamo incontrato, questa mattina, è stato bellissimo. Ringraziamo i dirigenti, gli insegnanti e il tutto personale delle scuole che ci hanno accolto, promettendo sin d’ora che visiteremo nei prossimi mesi anche i plessi in cui non siamo riusciti ad andare oggi”. E’ univoco, il messaggio della Giunta comunale di Piacenza, i cui componenti hanno portato il saluto dell’Amministrazione – in occasione del rientro in aula – in numerose scuole d’infanzia, primarie e secondarie di primo grado della città.

blank

“Tanti gli aneddoti che ci siamo scambiati al rientro in ufficio – spiegano gli amministratori comunali – ma uno su tutti ci ha toccato il cuore”. A raccontarlo, il vice sindaco Marco Perini: “Alla primaria Taverna, in un clima festoso ho potuto salutare tutte le classi e in una prima mi ha commosso, in particolare, una bimba russa che ha chiesto di poter parlare nella sua lingua d’origine a una nuova compagna ucraina, che non conosce ancora l’italiano, per aiutarla a capire meglio. Un piccolo grande gesto di solidarietà e attenzione: come sempre, dai bambini possiamo imparare le cose veramente importanti”.

“Abbiamo voluto dare un segno di vicinanza e di partecipazione attiva alla vita delle nostre scuole – sottolineano la sindaca Katia Tarasconi e tutti gli assessori – facendo visita a quante più sedi possibile, perché questo inizio d’anno non fosse solo occasione per un appuntamento istituzionale, sempre e comunque particolarmente sentito, ma un modo spontaneo e diretto per dire che il Comune c’è. Siamo pronti a condividere idee, progetti, proposte e, laddove ce n’è bisogno, interventi per rendere sempre più accogliente e funzionale l’ambiente dove i nostri bambini e ragazzi trascorrono gran parte del loro tempo. Con un pensiero di riconoscenza rivolto a tutte le famiglie per l’impegno e il coinvolgimento di cui danno testimonianza: dai volontari Pedibus ai genitori che, come è accaduto alla Vittorino da Feltre, si danno da fare in prima persona quando ce n’è bisogno”.

blank

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank