Pro Sesto – Piacenza, una gara che vale doppio

Pro Sesto - Piacenza

Il Piacenza di Scazzola corre verso l’obiettivo stagionale della salvezza. La prestigiosa vittoria ottenuta contro la capolista Como non è frutto del caso. I biancorossi hanno neutralizzato la regina del girone A, incapace di impensierire realmente il portiere Stucchi. Mancano però 6 gare in cui ci si gioca tutto. Al momento i piacentini sono appena fuori dalla zona play out, ma la classifica è piena di asterischi, soprattutto in coda: la Pistoiese deve recuperare due gare; l’Olbia addirittura 4 (motivo per cui la fine del campionato è slittata al 2 maggio.
I biancorossi avranno però una grande chance domenica pomeriggio, alle 17:30: una vittoria con la Pro Sesto garantirebbe il sorpasso in classifica e consentirebbe alla truppa emiliana di guardar con ancor più ottimismo all’ultimo spicchio di stagione.

blank

Segui Pro Sesto – Piacenza su RADIO SOUND con STADIO SOUND, la trasmissione dello sport piacentino in diretta

Una roboante vittoria da dimenticare in fretta…

Il 6 dicembre scorso il Piacenza, allora guidato da Manzo, ottenne una delle vittorie più schiaccianti dell’intera storia biancorossa. Al “Garilli” finì 6-0 in una giornata molto particolare. Quel giorno ogni giocata dei piacentini si tramutava in gol. Ma per capire quanto sia cambiato il Piacenza da allora basta rileggere i nomi dei marcatori: D’Iglio, Ballarini, Maritato, Flores Heatley, Maio e Galazzi. Di questi solo l’ultimo vanta un ruolo da titolare nell’undici di Scazzola. Ballarini non è al momento disponibile in rosa, mentre D’Iglio, Maritato e Flores non fanno addirittura più parte del Piacenza.

Pro Sesto, poche vittorie, ma una difesa solida

La compagine guidata da Francesco Parravicini ha vinto solo una partita negli ultimi due mesi. Sconfitta dalla Giana Erminio nel recupero di mercoledì scorso la compagine biancoceleste ha ora solo due punti di vantaggio sul Piacenza. Il rovescio della medaglia riguarda la solidità difensiva. Solo un gol subito negli ultimi 360’, denota una ritrovata stabilità nella fase arretrata: l’attacco biancorosso dovrà sudare le proverbiali sette camicie per avere ragione dei locali al “Braglia”.

Il turno di campionato

Sabato 27 marzo, ore 12:30
Olbia – Albinoleffe

Sabato 27 marzo, ore 15:00
Como – Pontedera
Pistoiese – Lecco

Domenica 28 marzo, ore 12:30
Alessandria – Lucchese

Domenica 28 marzo, ore 15:00
Giana – Renate
Livorno – Pro Vercelli
Novara – Grosseto
Pergolettese – Carrarese

Domenica 28 marzo, ore 17:30
Pro Sesto – Piacenza

Lunedì 29 marzo, ore 15:00
Pro Patria – Juve U23

La probabile formazione

(3-4-2-1) Stucchi, Marchi, Tafa, Martimbianco, Palma e Corbari tra Pedone e Visconti, Gonzi e Galazzi , De Respinis

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank