Scherma – Le biancorosse del Pettorelli campionesse regionali di spada

pettorelli
Piacenza 24 WhatsApp

La spada rosa del Pettorelli è campione regionale di spada per la prima volta. Le ragazze biancorosse si sono aggiudicate il titolo battendo la forte Ravenna 45-41, dopo assalti entusiasmanti. La medaglia d’argento è andata alle ravennati, mentre il bronzo se lo è aggiudicato Modena (che ha sconfitto Forlì). Si è conclusa con un trionfo la due giorni di gare al Palazzetto dello sport che ha visto decine di atleti da tutta la regione. Il Trofeo Lift-Tek Elecar rimane così a Piacenza, come la coppa Bernardelli per la migliore spadista, consegnata a Vera Perini. Il quintetto rosa è stato premiato dal presidente regionale della Federazione scherma, Daniele Delfino. Alla premiazione ha partecipato anche l’assessore Serena Groppelli (anche lei è una spadista).

Le spadiste piacentine, guidate a bordo pedana del maestro Francesco “Ciccio” Monaco, hanno gareggiato con Anna Bassi, Irene Cecchet, Marianna Mari, Camilla Parenti e Vera Perini. Dopo i gironi, le ragazze del Pettorelli superano agilmente agli ottavi Modena 2 con il risultato di 45-20. Ai quarti l’ostacolo è più impegnativo, ma le biancorosse hanno ragione del Koala Reggio Emilia 45-42. Si arriva così alla semifinale e le ragazze affrontano la forte Modena 1 e dopo assalti impegnativi ne hanno ragione ancora per 45-42. E’ la finale. Di fronte hanno le forti spadiste ravennati, che vengono regolate 45-41, facendo così esplodere la gioia di tutto il Pettorelli.

blank

Alessandro Bossalini, presidente del Pettorelli,

«Da anni la spada femminile cercava questo risultato, per inseguire un titolo che ci mancava, anche se due anni fa ci eravamo andati vicini con il secondo posto. Le ragazze giovani e promettenti, integrate da un’atleta del giro della nazionale U20, Vera Perini, hanno contribuito a creare un clima molto positivo che ha fatto la differenza anche nei momenti difficili. Hanno incontrato avversarie di rispetto, anche di categoria superiore alla nostra».

Coach Monaco è più compassato

«Siamo soddisfatti anche perché sappiamo che il livello in Emilia-Romagna è alto. Abbiamo avuto la forza di crederci fino in fondo. Abbiamo preparato questa gara molto bene, con determinazione, senza pensare a un risultato”. Una nuova emozione per Monaco, già campione regionale di sciabola scandisce che “l’emozione c’è, ma da maestro è più grande che da atleta».

Casa di Cura
Radio Sound
blank blank