Tommaso Guariglia è confermato all’UCC Assigeco Piacenza

assigeco piacenza, guariglia

Guardare alle possibili proposte del mercato tenendo però fermo il minimo comune denominatore tecnico della stagione appena finita. Il programma di lavoro estivo dell’UCC Assigeco Piacenza, riservato alla composizione del roster del prossimo anno di A2, ha in “pole” la conferma degli elementi che, per professionalità, capacità e dedizione al lavoro, hanno contribuito al successo della stagione.

blank

Dopo Luca Cesana e Gherardo Sabatini anche Tommaso Guariglia concorda la prosecuzione del rapporto sportivo con il club biancorossoblu. Una decisione basata anche sul soddisfacente raggiungimento degli obiettivi fissati.

“L’ultima è stata sicuramente un’annata positiva. La società aveva “scommesso” su un nuovo staff tecnico, Stefano Salieri e Lorenzo Dalmonte, e un gruppo di ragazzi giovani, con tanti nuovi innesti. Il bilancio è rilevante, la “scommessa” è vinta. C’è solo il rammarico per come sono andate le ultime sei gare della fase a orologio, tre delle quali purtroppo non sono riuscito a giocare con i compagni concludendo come avrei voluto il campionato. Valutando l’annata nel suo complesso, invece, e non focalizzandosi solo al risultato finale, c’è solo da essere orgogliosi di quanto fatto. Come dimenticare i successi con Verona e Udine, o a Tortona; Casale Monferrato e Milano? Sono parecchi i momenti di gioia che acquisiscono ancora maggiore valore se si pensa che le “big” hanno confermato il gruppo del campionato interrotto per il Covid, mentre l’Assigeco si è presentata sotto una nuova veste giocandosela fino alla fine».

Tommaso Guariglia ha mosso i primi passi tra i canestri con la Virtus Siena e poi, nel 2014, fa un salto nel fertile vivaio della Stella Azzurra a Roma per due stagioni. La Viola Reggio Calabria è la prima tappa in A2, seguita dal passaggio alla Fortitudo Agrigento (dal 2017 al 2019). La stagione 2019/2020 era a Brescia in serie A.

“Non posso che essere soddisfatto della mia stagione con l’Assigeco. Sono cresciuto parecchio. Venivo da un anno nel quale, Covid a parte, non ho trovato molto spazio in serie A e avevo deciso di fare un passo indietro per poter dimostrare a tutti che posso in futuro tornare a giocare nella massima serie – sottolinea il giocatore biancorossoblu, 24 anni da compiere l’8 agosto, protagonista con 8.8 punti (54% da due, 73% ai liberi) e 5.3 rimbalzi in 18.1 minuti giocati di media in regular season -. Mi rimane solo l’amaro in bocca per essere rimasto bloccato da un infortunio nelle ultime tre gare”.

Ora è il momento di godersi una meritata pausa estiva e di cominciare a ordinare i pensieri in vista della prossima stagione.

“Ci sono aspettative interessanti, di puntare a qualcosa in più che quest’anno, nonostante il campionato più che soddisfacente, non siamo riusciti a raggiungere. Sono contento di essere stato confermato e di proseguire il lavoro con Stefano Salieri, coach serio e preparato. Con lui ho espresso la migliore pallacanestro della mia carriera migliorando tanto. Io rimango molto volentieri all’Assigeco perché la società e lo staff tecnico hanno confermato la volontà di darmi maggiori responsabilità. Sono molto determinato a cogliere questa opportunità che affronto con l’intenzione di mettere tanto lavoro e impegno, anche perché rimango convinto che Franco Curioni, il presidente, e Alessandro Pagani, il diesse, operando di concerto con lo staff tecnico sapranno assemblare una squadra molto valida in grado di fare un passo in avanti. Attendo solo il momento di tornare sul parquet circondato dai tifosi che sono mancati tantissimo durante quest’anno. Sono certo che con i tifosi avremmo vinto alcune di quelle gare andate male; soprattutto nel momento della striscia di sei vittorie consecutive, il “PalaBanca” sarebbe stato pieno. Mi aspetto davvero di fare parte di un’ottima squadra, protagonista di una buona stagione, con maggiore spazio e responsabilità”.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank