Tumore al colon, i campioni si possono consegnare in farmacia: “Lo screening salva la vita, ora è anche più semplice” – AUDIO

blank
Piacenza 24 WhatsApp

“Il tumore del colon retto è il secondo tumore più diagnosticato nella popolazione italiana e purtroppo anche il secondo tumore per mortalità. Contro questa neoplasia – evidenzia Paola Bardasi, direttore generale dell’Ausl di Piacenza – abbiamo un’arma efficace, in grado addirittura di individuare lesioni in fase ancora precancerosa e di asportarle subito. I dati sono chiarissimi: per chi partecipa allo screening proposto in Emilia-Romagna la mortalità diminuisce del 62% negli uomini e del 54% nelle donne. Non bisogna quindi aspettare di avere sintomi, perché lo screening salva la vita. Al momento, a Piacenza, solo una persona su due nella fascia d’età dello screening risponde al nostro invito. Possiamo e dobbiamo sicuramente migliorare questo aspetto”.

Rendere più facile l’adesione agli screening

“Per rendere più facile l’adesione, abbiamo lavorato con Federfarma per aumentare i punti di raccolta sul territorio in cui riconsegnare i campioni. È chiaro che, in questo senso, la collaborazione con le farmacie è strategica”. Oltre a ritirare il kit, come già avviene oggi, dal 21 luglio sarà possibile riconsegnare il campione di feci in 78 farmacie sul territorio”.

“La nuova modalità – aggiunge Marco Maserati, direttore dipartimento di Sanità pubblica – ci consente di essere più capillari, raggiungendo di fatto praticamente quasi tutti i comuni della provincia. Ma anche di ampliare le opportunità di consegna a tutto l’orario di apertura delle farmacie, sei giorni su sette e addirittura sette giorni su sette nelle farmacie aperte sul turno festivo. È un servizio che riteniamo molto utile per il cittadino, considerando che il test per la ricerca del sangue occulto nelle feci si rivolge a donne e uomini residenti e domiciliati assistiti dai 50 ai 69 anni, quindi per la stragrande maggioranza a persone in età lavorativa. Rendendo più facile la riconsegna dei campioni, com’è già agevole il ritiro del kit, ci aspettiamo di aumentare sensibilmente nei prossimi mesi il tasso di adesione allo screening”. La modalità è già stata sperimentata con successo a Bologna.

Potenziare il ruolo delle farmacie

“Questo accordo – evidenzia Stefano Fugazzi, direttore Servizi per l’accesso e relazioni con l’utenza – è un ulteriore tassello per potenziare la Farmacia dei servizi. Già dal 2019, nella convenzione locale che prende forma dall’Accordo regionale, le farmacie sono riconosciute a tutti gli effetti come nodi rilevanti del Servizio sanitario regionale nell’erogazione di prestazioni e di servizi utili a migliorare il benessere dei cittadini”.

“L’esperienza del Covid – evidenzia Roberto Laneri, presidente Federfarma Piacenza – ha dimostrato il valore della vicinanza e del confronto col farmacista: un punto di riferimento per i piacentini che, in ogni quartiere, trovano in noi un primo front office della salute. Superata l’emergenza è oggi quanto mai importante recuperare le buone prassi di prevenzione, e proprio nel farmacista i cittadini troveranno quel professionista di prossimità che saprà guidarli e consigliarli. Per questo abbiamo accolto l’iniziativa dell’Azienda a implementazione del servizio di screening. Come sempre siamo lieti di porci al servizio dei concittadini e della loro salute”.

Il servizio

“Dopo i lunghi ritardi causati dal Covid – aggiunge Diego Garilli, vicepresidente Federfarma Piacenza – è di fondamentale importanza ripristinare assiduità dei controlli e continuità preventiva per contrastare il tumore al colon. Per questo circa 78 iscritti Federfarma hanno aderito all’iniziativa di screening che offre, nella sua implementazione, concreti vantaggi ai piacentini. Già negli scorsi anni i farmacisti si sono posti come sinergici intermediari tra i pazienti delle fasce d’età interessate al monitoraggio e l’Ausl, fornendo gratuitamente le provette”.

“Un servizio che si rinnova e vedrà come sempre, in qualsiasi orario e giorno d’apertura delle farmacie, continuare la distribuzione. Ma da oggi, in più, gli esercizi aderenti alla nuova iniziativa si faranno anche carico di ritirare provette e questionari da consegnare direttamente ai laboratori. I nominativi delle farmacie che hanno dato disponibilità in tal senso sono già da oggi consultabili sul sito www.federfarmapiacenza.it Ogni nostro professionista sarà inoltre, come sempre, lieto di rispondere a qualsivoglia dubbio o delucidazione così da agevolare in ogni modo i percorsi di screening”.

Come funziona l’accordo

“Il farmacista ha un ruolo di fiducia per gli utenti – sottolinea Fabio Faccini, responsabile Epidemiologia e centro screening Ausl – per questo riteniamo possa essere una tassello fondamentale nell’ampliamento della percentuale di utenti che rispondono alla chiamata dello screening. Nella prima fase dell’applicazione del nuovo accordo e per un periodo di almeno tre mesi, il servizio offerto dalle farmacie sarà integrato da quello attualmente esistente, che prevede la consegna dei campioni in dodici punti, tra ospedali e Case della salute e della comunità, in appositi contenitori e in fasce orarie prestabilite. Per qualche mese, quindi, resteranno ancora attivi i punti aziendali, poi verrano chiusi in favore di questa modalità che logisticamente e come fascia oraria è molto più agevole per gli utenti”.

L’importanza dello screening, parlano i numeri

“Partecipare allo screening – aggiunge Giovanni Aragona, direttore di Gastroenterologia – protegge dal tumore del colon retto perché permette di trovare e asportare anche lesioni pretumorali, prima che diventino neoplasie, e tumori in fase iniziale. Se la malattia è individuata in fase precoce, è possibile ottenere una guarigione completa. Per questo lo screening è importante, per riconoscere lesioni pretumorali e intervenire in tempo con trattamenti efficaci”.

Per quanto riguarda l’adesione allo screening, Piacenza fatica ad avvicinarsi allo standard del 50% attestandosi al 48%, a voler significare che a fronte di 43-44000 inviti all’anno, più della metà della popolazione bersaglio non aderisce.

Dal 2005 a oggi l’Ausl ha effettuato più di 321000 test per la ricerca del sangue occulto nelle feci; ne sono risultati positivi più di 15000 (4,7%). Grazie allo screening, i medici hanno individuato lesioni precancerose in quasi 5000 persone che hanno aderito al percorso. “Questo significa che mediamente abbiamo asportato lesioni (per lo più polipi) in circa 15 persone su 1000 persone sottoposte al test e che i soggetti interessati dal problema sono stati seguiti negli anni successivi attraverso un adeguato monitoraggio endoscopico.

Allo stesso modo almeno 250 persone/anno che non si sono sottoposte allo screening potrebbero presentare lesioni precancerose.

Abbiamo individuato inoltre quasi 400 adenocarcinomi, quindi 1 caso su 1000 test eseguiti in screening, di norma trovati in fase precoce e trattati tempestivamente.

Almeno 15-20 persone/anno che non si sono sottoposte allo screening potrebbero già presentare lesioni neoplastiche maligne in fase precoce.

Come funziona lo screening contro il tumore al colon

Le persone che maturano i tempi per l’esecuzione dello screening (di norma ogni due anni tra i 50 e i 69 anni) ricevono al domicilio la lettera d’invito con tutti i riferimenti per le modalità di ritiro del kit, esecuzione del campione e riconsegna dello stesso presso i punti di raccolta (farmacie, ospedali, Case della Comunità, ecc).

Il percorso è gratuito e organizzato, dal test fino all’eventuale trattamento e successivi controlli. La risposta viene comunicata sempre all’interessato. Se il risultato dell’esame è negativo (assenza di sangue nelle feci) viene inviata una lettera a domicilio. Se il risultato è positivo (presenza di sangue occulto nelle feci) l’utente viene contattato direttamente dal personale del reparto per eseguire ulteriori accertamenti diagnostici (colonscopia).

L’esame iniziale (la ricerca del sangue occulto nelle feci) serve a identificare un sanguinamento non visibile all’occhio umano, ma rilevabile dal test.

La colonscopia, invece, permette la visione diretta della superficie interna dell’intestino crasso (colon-retto) e di verificare l’origine del sanguinamento (eventuale presenza di emorroidi, diverticoli, infiammazioni, ulcere, polipi e tumori). Se necessario è possibile asportare direttamente in corso d’esame eventuali polipi o prelevare, in maniera indolore, piccoli frammenti.

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank