Adotta un cucciolo ma lo abbandona subito dopo, denunciata. Enpa: “Giugno nero per gli animali”

Adotta un cucciolo ma lo abbandona subito dopo, denunciata la proprietaria. La piccola Rose (nome di fantasia) era arrivata agli inizi di aprile da Caserta addirittura in aereo per un adozione del “cuore”; una famiglia aveva infatti affrontato tutto l’iter di adozione. Colloqui con la volontaria di Caserta, pre affido con tanto di modulo ed infine il viaggio verso una nuova vita; sembra una delle favole, quelle belle, che coinvolgono centinaia di cani sfortunati, che trovano una casa e tanto amore.

Invece il 30 giugno arriva alle Guardie Zoofile Enpa una segnalazione dai toni allarmati e disperati: “Rose è scomparsa”. Il racconto di Michela Bravaccini Capo nucleo delle Guardie Enpa Piacenza.

A tre mesi dall’affido la volontaria di Caserta ha contattato l’adottante per completare l’iter e fare il passaggio di proprietà della cucciola. Ma in quell’occasione la volontaria ha scoperto che l’adottante l’aveva persino bloccata sia sul telefono che sui social come whatsapp e facebook. Dopo giorni di tentativi vani, l’attivista ha decido di inviare la segnalazione alle guardie Zoofile Enpa

Le ricerche

“Abbiamo subito avviato un indagine volta a trovare la cagnolina, utilizzando i nostri mezzi. Con un pizzico di fortuna, abbiamo rilevato che da Asp Caserta vi era richiesta di informazioni sul microchip riferito a Rose. La richiesta partiva dal comune di Travo, ci è voluto poco per rintracciare il cane; i volontari hanno recuperato Rose a a Dolgo nel Trebbia, a fine maggio. Dopo il rinvenimento l’hanno trasferita per le prime cure alla pensione di Veano”.

Ora la volontaria di Caserta è in stretto contatto con i gestori di Veano; durante la sua permanenza in pensione Rose è stata “notata” da persone che la aiuteranno a trovare una nuova famiglia.

Proprietaria nei guai

Per il Nucleo di guardie Zoofile Enap,l’indagine non si è ancora chiusa; infatti l’adottante è stata denunciata per abbandono di animale che prevede l’arresto fino ad un anno o l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro;

“Vogliamo rimarcare come l’adottante abbia volontariamente omesso di informare la proprietaria di Caserta dello smarrimento di Rose; non solo, si è addirittura resa irreperibile alla stessa e dire che poteva “cambiare” idea e far tornare Rose tranquillamente a casa a Caserta, in qualità di detentore, affidatario, addirittura per adozione del cane; l’adottante è stata da questo nucleo denunciata per abbandono di animale”.

Un giugno da bollino rosso

“Normalmente verifichiamo le segnalazioni che arrivano a seconda della presunta gravità; questo ci permette di intervenire in maniera metodicae programmata”. Lo spiega il Capo Nucleo delle Guardie Zoofile ENPA, Michela Bravaccini. “Il clima torrido negli ultimi giorni ha ha dato un input di urgenza a molte segnalazioni, laddove infatti, c’è il pericolo che un animale possa correre serie immediate rischi c’è da parte del nucleo una tempistica molto rapida di intervento, decretata da un’urgenza che può avvenire, come in questi casi, a causa del clima caldissimo che abbiamo vissuto negli ultimi giorni”.

Ce n’è stato un po’ per tutti, a partire dai cani e gatti lasciati sui balconi; sottovalutando la pericolosità di questo caldo, i padroni alloggiano gli animali sui balconi; ma questi spazi non sono idonei alla detenzione di animali; possono essere utilizzati per brevissimi periodi, utilizzando comunque un’adeguata copertura, un riparo e acqua a sufficienza”.

Ancora, una piccola siberiana detenuta in un giardino, mentre i suoi padroni erano in vacanza, con solo un piccolo secchiello d’acqua posto al solo. ovviamente a 39 gradi non era assolutamente sufficiente, essendo un siberian husky. In questo caso vi erano serie probabilità di un colpo di calore; infatti per il cane è essenziale riuscire ad abbassare la sua temperatura corporea e l’acqua diventa un mezzo fondamentale. Rifornire il cane in questi casi non di una normale ciotola, ma di una tinozza di 40 cm di altezza per un metro di larghezza; dando la possibilità all’animale di entrare nell’acqua e abbassare quindi la sua temperatura corporea quando ne sente il bisogno.

E poi ancora tante micro situazioni. Tra cui due interventi per cani chiusi in macchina di fronte a negozi e supermercati andati decisamente a buon fine per fortuna; per finire un cane detenuto con una museruola e una catena corta. Oltre a questi che sono stati interventi eccezionali, ci sono stati gli interventi invece programmati.

Il bilancio di Enpa

Quindi grandi impegni e grandi sforzi per mantenere sul territorio alta la guardia su tutti quelli che possono essere situazioni di pericolo dove gli animali, tutti hanno bisogno di una tutela per il loro benessere e la loro protezione. Il tutto per giungere a ad un bilancio semestrale molto intenso, che ha visto le guardie dell’ENPA percorrere circa 3000 km andando da Corte Brugnatella a Castel San Giovanni da Castelvetro Pc a Ottone, Morfasso, Alseno e altre decine di province piacentine.

Per un totale circa di 150 ore di servizio di controlli e altrettante ore passate in ufficio in sede Guardie per completare tutte le procedure inerenti ai controlli effettuati; “Non posso far altro che esprimere soddisfazione per il Nucleo di Piacenza, dovuto soprattutto all’impegno delle Guardie Zoofile volontarie come Elena Anelli, Massimiliano Sartori, Marika Pagliarello, Giorgia Anelli.”

Ma sicuramente ringraziamo anche le persone che hanno riposto fiducia nelle Guardie, segnalando situazioni veritiere oppure meno, poco importa, l’importante è la preoccupazione del cittadino verso le situazioni di malessere o di Presunto tale degli animali che li circonda, e sono anche felice che questo sentimento spesso e volentieri Si produca anche con segnalazioni sulla zootecnia, ovvero idiversamente animali, quelli che comunque hanno dei diritti ma che spesso e volentieri hanno da parte delle persone meno empatia del micio e del cane, questo è veramente un dato significativo in quanto Guardia ENPA, ed avendo la possibilità di tutelare il patrimonio zootecnico poter fare interventi in questo campo da veramente soddisfazione.