Aggressione al vigilante del supermercato, Cisl: “Garantire la sicurezza di chi opera in questo settore”

Piacenza 24 WhatsApp

Fisascat Cisl Parma Piacenza esprime solidarietà ai lavoratori coinvolti e la propria condanna della violenza per l’aggressione di un vigilante presso un punto vendita Lidl di via Calciati.

L’ episodio, avvenuto ieri, ha visto un vigilante aggredito da una persona senza fissa dimora, che aveva tentato di intascare merce dagli scaffali.

“Questa aggressione è un fatto su cui riflettere  – dichiara Dauride Gobbi, referente del settore vigilanza per Fisascat Cisl Parma Piacenza, cioé un evento che non va solo condannato ma preso in considerazione in termini generali: i vigilanti, che svolgono un lavoro importante per la tutela della sicurezza dei cittadini e delle attività commerciali, devono essere messi in grado di svolgere la loro funzione in sicurezza, il punto è questo: come deve essere messo in atto questo imperativo? Si può ignorare che la zona di via Calciati è diventata problematica nel corso di questi anni ? Per questo l’azienda per cui lavora l’addetto al servizio di sorveglianza ha valutato di aumentare il personale, almeno in alcune fasce orarie ?”. Fisascat Cisl chiede che anche Lidl prenda provvedimenti concreti per garantire la sicurezza dei propri dipendenti, dei clienti, e delle persone che svolgono servizi a suo favore, pur dipendenti di aziende specializzate.

“Questa aggressione – conclude Dauride Gobbi – è un segnale preoccupante che va induce ad andare oltre, la pur giusta considerazione di come la violenza sia sempre più presente nella nostra società. È necessario un impegno forte da parte di tutti per contrastare questo fenomeno e garantire la sicurezza di tutti. Non si può pensare solo al profitto, risparmiando sulle risorse umane, non si risparmi anche sul numero degli addetti”.

Radio Sound
blank blank