Ancora rifiuti abbandonati lungo il greto dell’Arda: “Una vera piaga che non accenna a interrompersi”

C’erano anche un tavolino; alcune poltrone, sedie e materassi, e diversi sacchi neri ricolmi, tra la notevole quantità di rifiuti abbandonati nei giorni scorsi da ignoti lungo il corso del torrente Arda, nei pressi del ponte della tangenziale di Fiorenzuola d’Arda. I rifiuti sono stati raccolti nella mattinata di ieri da una squadra di operai comunali, a seguito della segnalazione pervenuta agli uffici municipali: ma quello avvenuto a pochi metri dal torrente Arda è solo il caso più eclatante nell’ambito di una piaga, quella dell’abbandono di rifiuti sul territorio, che non accenna purtroppo ad interrompersi, tanto che sono quotidiane le segnalazioni – provenienti sia dal capoluogo comunale, che dalle frazioni e dalla periferia – relative alla presenza di rifiuti abbandonati.

Le azioni di abbandono di rifiuti, a seguito delle verifiche effettuate dagli ispettori ambientali di Iren – operanti con le necessarie autorizzazioni e competenze in materia – sono soggette per legge a sanzioni, di importo variabile da 51 a 619 euro: a Fiorenzuola d’Arda è peraltro presente un centro comunale di raccolta dei rifiuti, in cui utenze domestiche e, solo per rifiuti assimilabili agli urbani, utenze non domestiche, possono conferire in forma gratuita rifiuti domestici e non domestici, secondo l’elenco consultabile sul sito di Iren Ambiente, ente gestore del servizio di raccolta dei rifiuti nel Comune di Fiorenzuola d’Arda. La struttura, situata sulla strada provinciale 46, tra il capoluogo comunale e la frazione di Baselica Duce, è accessibile al pubblico tutti i giorni tranne la domenica, dalle 8.30 alle 11.30, e nei pomeriggi di giovedì (dalle 14 alle 16) e sabato (dalle 13 alle 16).

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank