Appennino Festival 2019, eventi fino a dicembre. Il 21 agosto tappa a Bobbio

Appennino Festival 2019

Appennino Festival 2019, eventi fino a dicembre.

APPENNINO FESTIVAL: IL 21 AGOSTO A BOBBIO VIAGGIO MUSICALE NEL CINQUE E SEICENTO EUROPEO

Per l’ultimo appuntamento del mese di agosto l’Appennino Festival rende omaggio alla grande tradizione musicale del Rinascimento e del Barocco europeo. Mercoledì 21 alle 18.30 nell’antica chiesa di San Bartolomeo di Ottone è infatti in programma un nuovo appuntamento del Festival: a esibirsi saranno i talentuosi Federico Perotti e Agostino Subacchi, rispettivamente virtuoso della spinetta e basso, accompagnati al violoncello da Chiara Pavesi. Il concerto offre l’occasione di ascoltare i magnifici repertori del Cinque e Seicento europeo: i giovani e talentuosi protagonisti infatti si presentano in alta Valtrebbia con una silloge di musiche e di arie tratte dai repertori di Monteverdi, Frescobaldi, Byrd e Gibbons e dalla tradizione antica e rinascimentale come “Una jeune fillette”, “Siate avvertiti o voi cortesi amanti” e la danza “Tourdion”.

Lo scenario scelto per il concerto è l’antica chiesa di San Bartolomeo, costruita dal 1500 su un’area di precedenti costruzioni religiose ascrivibili all’espansione del monastero di San Colombano di Bobbio ed è detta “al cimitero” perché da 15 secoli le sue pertinenze fungono da luogo di sepoltura.

APPENNINO FESTIVAL: IL 10 AGOSTO A PIGAZZANO L’HAPPENING DI MUSICA E POESIA DI SAN LORENZO

Le tradizioni si rispettano. Soprattutto nelle notti di mezza estate. Ecco allora che anche quest’anno l’Appennino Festival mette in calendario l’happening di musica e poesia di San Lorenzo: sabato 10 sulla terrazza panoramica della chiesa di Pigazzano alle 21.15 è in programma l’evento “Musica e poesia nella notte di San Lorenzo” con alcuni “vecchi amici” del Festival e altre sorprendenti new entry. Ad alternarsi, nel corso della serata, saranno gli scrittori e poeti Gabriele Dadati, Edoardo Callegari e Giovanni Zilioli a cui spetteranno le letture. La serata mette in programma anche una serie di intermezzi musicali a cura di Vincenzo Torricella, Gianmaria Lodigiani e Chiara Pavesi. Si attendono sorprese a partire dal programma che svelerà ad esempio dei volti poco noti della grande poesia italiana: ecco allora che, nell’anno in cui si celebra il duecentesimo anniversario de “L’infinito” di Leopardi, il Recanatese finirà sotto i riflettori per i suoi componimenti più brillanti e divertenti. Le letture di alcuni testi tratti dalle “Operette morali” e capaci di parlare al nostro tempo come la “Proposta di premi fatta dall’Accademia dei Sillografi” lasceranno spazi ai versi più sagaci dei “Canti” e a una rilettura di “A Silvia” decisamente particolare con l’obiettivo di svelare un Leopardi sorprendentemente lontano dall’immagine tramandata dallo stereotipo. Al programma ufficiale infine si aggiungerà la lettura di alcune poesie del nuovo libro di Alessandro Romanello accompagnata dalla violoncellista Pavesi e da qualche altra sorpresa nello spirito dell’happening.

APPENNINO FESTIVAL: TORNA CHRISTOPH HARTMANN A PRADELLO DI BETTOLA IL 2 AGOSTO

Torna una delle vecchie conoscenze dell’Appennino Festival. L’oboista dei Berliner Philharmoniker Christoph Hartmann si esibirà venerdì 2 agosto alle 18.30 nella chiesa di Pradello di Bettola: per i piacentini e affezionati all’Appennino Festival è un volto noto che più volte è stato apprezzato nell’ambito del Festival. A precedere il concerto, alle 17.30, sarà la visita alla Torre Colombo con la guida di Elsa Bersani del Comitato di Pradello.

Tornando ad Hartmann, il musicista è nato nel 1965 e ha iniziato i suoi studi al Conservatorio Leopold Mozart di Augsburg sotto la guida di Georg Fischer e in seguito ha proseguito gli studi presso la Musikhochschule di Monaco con Guenter Passin ottenendo il diploma in oboe e in musica da camera.

Ha ottenuto diversi primi premi in importanti concorsi internazionali: Tolone, Ginevra e Tokyo.

In seguito è divenuto docente alla Musikhochschule di Monaco e nel 1991 ha ricoperto il ruolo di 1° oboe nell’orchestra di Stoccarda per poi approdare, un anno più tardi, nei Berliner Philarmoniker con il ruolo di oboista.

Rinviato l’appuntamento del 26 luglio

A causa di un lutto che ha colpito la frazione di Selva di Groppallo, nel comune di Ferriere, è stato annullato l’appuntamento dell’Appennino Festival in programma venerdì 26 luglio. Il concerto verrà recuperato in autunno.

Appennino Festival 2019: il programma

4 luglio – Castelletto di Vernasca, ore 18:45 
Concerto al tramonto alla Pieve Romanica 
Gruppo di musica antica La Rossignol 
“Ardente sole”
La danza in Italia nel Rinascimento.
Con la partecipazione di Carolina Migli voce recitante


21 luglio – Caminata, ore 21:15
“Per Viam: viaggio musicale lungo la Via degli Abati”- prima tappa
Dagli antifonari medioevali alle tradizioni popolari irlandesi e appenniniche per celebrare la figura di San Colombano
Schola Sancti Columbani con la voce recitante di Andrea Groppi


26 luglio – Selva di Groppallo, ore 17:00
EVENTO ANNULLATO
! Verrà riproposto in autunno


30 luglio – Rivergaro, ore 21:15
Sagrato della Chiesa di Sant’Agata
Ambrogio Sparagna and friends
“Chiara Stella”
Tra i massimi esponenti della ricerca sulle tradizioni italiane, Ambrogio Sparagna ci farà rivivere le atmosfere delle feste popolari del Sud italiano


2 agosto – Pradello di Bettola, ore 18:30
Chiesa dei Santi Cosma e Damiano
Concerto dell’oboista dei Berliner Philharmoniker Christoph Hartmann


3 agosto – Pradovera, ore 21:15 
Ballo all’aperto nello scenario naturalistico della panoramica Pradovera-Coli in località Acqua Nera 
Danze tradizionali europee e delle Quattro Province con Banda Brisca, Funambol, Pizzica Ensemble


4 agosto – Passo Sella dei Generali, ore 18:00 Strada panoramica Pradovera-Mareto-Coli
“Per Viam” – terza tappa
Concerto e reading al tramonto sul pascolo lungo la Via degli Abati:
Giorgio Strinati, Emanuele Crepet e Davide Navatta corni
Ore 21:00 Mareto – Albergo dei Cacciatori: Cena del Pellegrino


10 agosto – Pigazzano di Travo, ore 21:30 
“Sempre caro mi fu quest’ermo colle”
Poesia e musica nella notte di San Lorenzo
Letture poetiche a cura di Gabriele Dadati, Giovanni Zilioli e Edoardo Callegari; intermezzi musicali di Gianmaria Lodigiani, Samuel Bateson e Vincenzo Torricella


12 agosto – Marsaglia
ore 09:00 – Discesa in canoa a cura dell’Associazione “One”
ore 18:00 – Chiesa di Brugnello – Conferenza di Tiziano Fermi con intermezzi musicali di Priscilla Panzeri


12 agosto – Bobbio, ore 21:30 
Chiostro del Monastero di San Colombano
“Per Viam” – quarta tappa
Bernardo Beisso cantastorie
“Partirò farò partenza: dalle valli appenniniche a Genova sulle Vie del Sale”. Con la partecipazione del gruppo Enerbia


13 agosto – Cerignale, ore 15:00 
“Festa delle aie”
Con Ettore Losini piffero e Davide Balletti fisarmonica


16 agosto – Cerreto di Zerba (Val Boreca), ore 21:00
Ballo con Gabriele Dametti piffero e Fabio Paveto fisarmonica


18 agosto – Borgotaro (Pr), ore 21:15
“Per Viam” – quinta tappa
Marco Domenichetti (Barcellona – Spagna)
Flauti dritti, piffero.
“Dal Cammino di Santiago alla Via degli Abati”
Con la partecipazione della Schola Sancti Columbani


21 agosto – Ottone, ore 18:30
Chiesa di San Bartolomeo
Federico Perotti spinetta, Agostino Subacchi basso e Chiara Pavesi violoncello


8 settembre- Ozzano Taro (Pr), ore 15:00
“Festa al Museo Guatelli”
www.museoguatelli.it
Visita guidata alla corte rurale e alle collezioni
a cura dell’Associazione Amici del Museo


21 settembre – Bardi (Pr)
“Per Viam”: sesta tappa
Ore 10:00 Convegno di Studi sui Longobardi: “Le presenze longobarde nelle regioni italiane: il quotidiano nelle fonti e nei dati materiali”. In collaborazione con le Associazioni “Il Cammino della Val Ceno” e “La Via degli Abati”
Ore 21:00 Concerto con la Schola Sancti Columbani


22 settembre – Caratta di Gossolengo, ore 20:00
Azienda Lungacque – I Melograni 
Quintetto di fiati ParmaBrassEnsemble
Gruppo tradizionale sardo “Juntos” launeddas e tumbarinu 
Cena a cura dei Contadini Resistenti
In collaborazione con il Gremio Sardo di Piacenza


29 settembre – Piozzano, ore 15:00
“Festa del miele e dei prodoti tipici della Val Luretta”
Danze popolari con Lu Trainana – Musica tradizionale delle Marche


6 ottobre – Vigolzone, ore 17:00
Azienda Vitivinicola Uccellaia
Fabio Rinaudo dei Birkin Tree
“Cornamuse e zampogne d’Europa”
Aperitivo con i vini dell’Azienda Uccellaia


11 ottobre – Piacenza, ore 21:00
Sala delle colonne e giardini della Cattedrale di Piacenza
Massimo Lonardi liuto e Giuliano Lucini tiorba
“La musica strumentale al tempo di Leonardo”
in collaborazione con l’associazione Domus Justinae


13 ottobre – Pecorara, ore 15:00
“Festa del tartufo e dei prodoti della montagna”
Danze tradizionali italiane ed europee con Paolo Simonazzi ghironda ed Emanuele Reverberi violino


8 dicembre – Ferriere, ore 11:00
Chiesa di San Giovanni Battista
Coro Vox Silvae