Armonia dona un dermografo alla Senologia: “Il percorso di presa in carico della donna è completo”

blank

Essere concretamente a fianco delle donne che devono affrontare la chirurgia, per fare in modo che abbiano una sicurezza in più: tornare come prima alla fine del percorso per combattere un tumore al seno. È questo l’obiettivo di Armonia Onlusche ha donato alla Senologia un dermografo. L’utilissimo strumento consente ai professionisti della Breast Unit di ridisegnare l’areola mammaria dopo gli interventi terapeutici per la neoplasia o di mascherare in modo efficace eventuali cicatrici o macchie.

blank

Lo strumento, di dimensioni contenute, è ultra leggero e precisissimo nel tratto. La donazione di Armonia riguarda lo strumento 3D, che consente di ottenere un risultato estremamente naturale, e tutti gli aghi e pigmenti necessari per utilizzare la tecnica.

“Dopo la chirurgia oncologica – spiega Dante Palli, direttore della Breast Unit – una mammella può non avere più lo stesso aspetto dell’altra. La differenza spesso crea disagio alla paziente. Non è un problema estetico, ma un aspetto di grande impatto psicologico. La paura di perdere la propria identità femminile è una delle più forti problematiche di accettazione per le donne che iniziano un percorso di cura per un tumore al seno”.

Il dermografo donato da Armonia permetterà a breve di utilizzare a Piacenza la tecnica della micropigmentazione, utilissima per ricostruire la zona dell’areola e nascondere le cicatrici causate dalla ricostruzione del seno. La tecnica deriva dal tatuaggio e consiste nell’introdurre un pigmento sotto la pelle con il dispositivo.

“Questa donazione – evidenzia Romina Cattivelli, presidente di Armonia – è un sogno che si realizza, è l’ultimo passaggio per chiudere un cerchio. Oggi possiamo dire che il percorso della Breast Unit a Piacenza è davvero completo, dalla diagnosi fino a questo tatuaggio finale, che restituisce alla donna la propria immagine completa dopo l’intervento. Non sono molti i centri in Italia dove tutto questo è garantito gratuitamente dalla struttura sanitaria pubblica. Siamo molto orgogliose che la nostra associazione abbia dato voce a questa richiesta e sia riuscita a fare questo cospicuo investimento (15mila euro) per le piacentine che devono affrontare un tumore al seno”.

Il dermografo sarà utilizzato non solo da una chirurga senologa (Francesca Cattadori) ma anche da due infermiere: Doris Pallavesci (che lavora nel dipartimento Chirurgico) e Eleonora Rossi (che è invece in forze al Pronto soccorso). Tutte le professioniste stanno frequentando un corso di formazione e presto potranno avviare l’attività. Mediamente, la Senologia effettua circa 330 interventi chirurgici per tumore all’anno: di questi, circa il 40 per cento sono mastectomie (asportazione della mammella) e di queste almeno la metà potrebbe creare l’esigenza di utilizzo del nuovo strumento (sessanta/ settanta).

“Pur con le ovvie difficoltà legate alla pandemia, nel 2020 la chirurgia senologica non si è praticamente mai fermata, grazie alla scelta dell’Azienda – evidenzia il dottor Palli – di delocalizzarla nella Casa di Cura Piacenza. Davvero quest’ultimo tassello completa il percorso della Breast Unit. Siamo in grado di offrire alla piacentine un percorso integrale, che annovera anche l’ elettrochemioterapia per i tumori in fase avanzata”.

In occasione della donazione, è stato illustrata anche una nuova brochure in distribuzione in tutti i reparti che costituiscono la Breast Unit (in allegato). L’opuscolo ha l’obiettivo di presentare l’importante figura del Case manager infermieristico del percorso, che è accanto alla donna per tutta la durata della presa in carico.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank