La telefonata: “Io dal di fuori ti posso dare una mano, ho mille amicizie e so dove bussare”

Arresto Caruso. “Perché io ho mille amicizie, da tutte le parti, bancari, oleifici, industriali, tutto quello che vuoi… quindi io so dove bussare… quindi se tu mi tieni esterno ti dà vantaggio, se tu mi immischi… dopo che mi hai immischiato e mi hai bruciato… è finita”. E’ una delle intercettazioni telefoniche effettuate dagli inquirenti nel corso delle indagini. Intercettazioni pubblicate da Repubblica.it. A parlare è Giuseppe Caruso, presidente del consiglio comunale di Piacenza. La telefonata risale all’8 settembre 2015 e secondo la polizia Caruso sta parlando con Giuseppe Strangio.

Secondo le risultanze investigative, va detto che i fatti di cui è accusato Caruso sono precedenti il suo incarico politico e amministrativo. Anzi, non si delinea alcun collegamento di tipo politico e tutto si limiterebbe al suo ruolo di funzionario doganale.

Secondo gli inquirenti, nelle intercettazioni Caruso spiegherebbe a Strangio di voler mantenere un certo distacco rispetto a Salvatore e Francesco Grande Aracri. In questo modo avrebbe potuto agire con maggiore efficacia sfruttando il proprio ruolo di funzionario dell’agenzia delle Dogane di Piacenza.

“Ultimamente Salvatore stesso (mi dice) ‘stai a casa, lasciami stare, vediamoci poco’. Perché? Perché è giusto che sia così, nel senso che io dal di fuori se ti posso dare una mano te la do, compà, perché al di fuori mi posso muovere…guardo, dico, se c’è un problema, dico: ‘stai attento’. Altrimenti la gente ti chiude le porte, la gente mi chiude le porte, se tu sei bruciato non ti vuole…hai capito quello è il problema…quindi allora se tu ci sai stare è così… loro invece a tutti i cani e i porci è andato a dire che io riuscivo… che a Piacenza io riuscivo a fare i libretti, le cose”.

Intanto questa mattina la polizia ha perquisito anche l’ufficio di Giuseppe Caruso a palazzo Mercanti. In manette è finito anche il fratello Albino.

L’arresto di Caruso sta sollevando le prime reazioni politiche tra cui quella del Pd: “Ha umiliato Piacenza”.