Gran finale per il Bobbio Film Festival, Gobbo d’oro a “Sulla mia pelle”- FOTO

Si è concluso ieri sera il Bobbio Film Festival 2019; serata di premiazione e proiezione di un grande classico del cinema in versione restaurata a cura di Cineteca di Bologna, “Miracolo a Milano”.

Sulla mia pelle

Film pluripremiato è stato “Sulla mia pelle” di Alessio Cremonini. Film che si è aggiudicato il Gobbo d’oro consegnato da Marco Bellocchio allo stesso Cremonini. “Ha voluto e saputo raccontare con cosciente obiettività, umano rispetto e lucida schiettezza il dolore e l’orrore di una storia disumana; fornendoci uno sguardo ravvicinato non più di sorveglianza ma di intimità”. Così si legge nelle motivazioni della giuria composta dai quaranta ragazzi dei corsi Fare Cinema e Critica Cinematografica.

“Sono felice ed emozionato – ha detto il regista Cremonini nel ricevere il premio – per me resterà un ricordo indelebile. Ringrazio Marco Bellocchio e Fondazione Fare Cinema: questa è stata un’esperienza meravigliosa”.

Gli altri premi

Miglior attore protagonista (premio Città di Bobbio) Alessandro Borghi interprete della stessa pellicola; non potendo essere presente a Bobbio ha inviato un videomessaggio di ringraziamento; “A Bobbio ho passato giorni speciali, ho incontrato tanto calore e altrettanta gentilezza” ha detto.

Premio migliore regia, da Camera di Commercio Piacenza, a Matteo Rovere per “Il primo re”, “per la grande capacità tecnica, l’ottica visionaria e l’originalità con cui ha tradotto il mito in immagini potenti orchestrate in una messa in scena crudelmente realistica capace di creare un’esperienza filmica immersiva”. A ritirare il premio, Lyda Patitucci, seconda regia del film.

Premio come migliore attrice protagonista, conferito dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano, a Sara Serraiocco per la sua interpretazione nel film “In viaggio con Adele”.

Ancora a “Sulla mia pelle” il premio del pubblico, votato dagli abbonati al Bobbio Film Festival 2019, nonché il premio “Beppe Ciavatta”. È andato ad Antonio Piovanelli invece il riconoscimento quotidiano “Libertà” per la sua interpretazione del padre di Carolina Raspanti nel film “Dafne”.
Ai ragazzi del Corso di Critica, infine, la borsa di studio offerta dal Lyons Club di Bobbio.