Auto di servizio e capo di gabinetto, la giunta: “Contenimento della spesa ed efficienza dei servizi”

l'Irpef a Piacenza rimarrà invariata fino al 2021

“Contenimento della spesa impegno costante dell’Amministrazione”. Lo dichiara la giunta Barbieri in una nota.

“Da quando ci siamo insediati, nel giugno del 2017, l’impegno di questa Amministrazione si è sempre rivolto all’abbattimento di costi superflui. Nonché alla razionalizzazione della spesa. Questo nel tentativo di recuperare risorse pur mantenendo efficiente e alto lo standard qualitativo e quantitativo dei servizi erogati dal Comune. E’ un impegno che sia gli amministratori, sia gli assessorati e gli uffici stanno portando avanti con attenzione e costanza. Ed è giusto che venga debitamente sottolineato”.

“In questa direzione sono rivolte anche due operazioni che necessitano un approfondimento nell’ottica di massima trasparenza e chiarezza nei confronti della cittadinanza”.

L’acquisto di un’auto di servizio per l’Ente

“Il piano di contenimento della spesa del Comune di Piacenza porta all’individuazione di misure di razionalizzazione dell’utilizzo delle dotazioni strumentali ad uso dell’Ente e anche dei collegati contratti di manutenzione e/o servizio.

Un esempio, in questo senso, riguarda l’auto di servizio dell’Ente, una Volkswagen Passat, il cui leasing gravava già da diversi anni sul Comune. Si parla di 560 euro al mese, per un totale di quasi 7000 euro annui. Sfruttando positivamente un’offerta tramite il portale elettronico della Pubblica Amministrazione, si è deciso quindi l’acquisto di una vettura. Una berlina italiana, al costo di circa 15 mila euro. L’operazione è economicamente vantaggiosa. Permetterà al Comune di Piacenza di ammortizzare in soli due anni il costo rispetto a un nuovo leasing. Un leasing oltretutto probabilmente ancora più oneroso rispetto ai costi del passato. Inoltre permetterà di avere ora in proprietà una vettura di servizio a disposizione per gli spostamenti di tutti gli amministratori, eventualmente anche con dirigenti e funzionari. Il tutto a un prezzo decisamente ridotto rispetto a prima”.

L’individuazione della figura di capo di gabinetto

“Un altro attento intervento di risparmio e razionalizzazione della spesa riguarda l’individuazione del cosidetto capo di gabinetto del Sindaco. Individuazione avvenuta con selezione attualmente in corso con avviso pubblico. Pur nella consapevolezza della necessità per un primo cittadino di avere al fianco persone di assoluta fiducia nell’espletamento di alcune delicate funzioni, si è inteso attendere quasi 2 anni per scandagliare al meglio qualsiasi strada che non gravasse sulle casse comunali.

Oggi si va proprio in questa direzione. Perchè nessuna ulteriore spesa è preventivata rispetto al piano di riorganizzazione dell’Ente approvato da questa Amministrazione. Ma al contrario si registra un risparmio netto rispetto al costo del personale in esso indicato, che già individuava diversi dirigenti in meno rispetto al passato. Il tutto con un risparmio complessivo di oltre 300 mila euro annui in stipendi”.

“Riteniamo questi solo due dei tanti interventi che questa Amministrazione sta attuando per fare in modo che l’Ente comunale sia sempre di più una casa di vetro che gravi il meno possibile sulle tasche dei piacentini – in questo senso va anche la decisione di non aumentare l’Irpef – ma che allo stesso tempo mantenga efficienza nell’erogazione di tutti i servizi, mettendo sempre il cittadino al centro della propria azione”.