Controlli dei NAS in provincia di Piacenza, quattro locali nei guai: in un ristoranti sequestrati 16 chili di alimenti

blank

Ancora controlli dei Nas nei locali della provincia di Piacenza. E in occasione dell’ultimo giro di controlli più di un esercizio è risultato non a norma.

In un ristorante sono stati sequestrati 16 kg di prodotti alimentari (latticini, carne e spezie varie), dal valore complessivo di circa 600 euro, in parte privi di sistema di rintracciabilità ed in parti decorsi di validità. Sono stare rilevate carenze igienico sanitarie dovute alla presenza, in tutti i locali, di sporco vetusto su tutte le superfici, ragnatele sulle pareti, congelatori invasi da eccessivo ghiaccio e residui alimentari. È stata riscontrata l’omessa predisposizione di procedure di autocontrollo relativamente alla manutenzione dell’impianto di trattamento dell’acqua potabile somministrata ai clienti e la mancata indicazione nel menù del giorno della presenza di sostanze che possono comportare allergie o intolleranze. Non vi erano inoltre gli attestati di formazione per personale alimentarista relativi a due dipendenti dell’attività. Per le violazioni riscontrate, nei confronti del titolare sono state comminate sanzioni amministrative per un importo complessivo di 3000 euro. Su proposta dei carabinieri del Nas, il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’AUSL di Piacenza ha emesso un provvedimento di sospensione temporanea dell’attività di ristorazione, fino alla risoluzione delle irregolarità riscontrate.

Presso una rosticceria sono state rilevate carenze igienico sanitarie dovute alla presenza di sporco vetusto in tutti i locali e sulle attrezzature, di ragnatele sulle pareti e di residui di cibo sui pavimenti. È stata accertata la mancata applicazione delle procedure di autocontrollo (H.A.C.C.P.) relativamente alle operazioni di pulizia e sanificazione degli ambienti ed allo smaltimento degli olii esausti. Per le criticità riscontrate, al legale rappresentante dell’attività è stata comminata una sanzione amministrativa di 2.520 euro.

Presso un fastfood-kebab sono state rilevate carenze igienico sanitarie all’interno del locale dispensa, interessato da soluzioni di continuità dell’intonaco delle pareti, presenza di confezioni di prodotti alimentari a diretto contatto con il pavimento e presenza di materiale vario non attinente all’attività. È stata accertata la mancata esposizione del cartello indicante la presenza di sostanze che possono provocare allergie o intolleranze nelle preparazioni offerte alla clientela. All’interno dell’attività non era esposto il cartello relativo al divieto di fumare, motivo per cui il titolare è stato destinatario di una sanzione amministrativa di 440 euro. Per le restanti irregolarità rilevate è stata emessa una diffida;

Presso un market di alimenti etnici sono state rilevate carenze igienico sanitarie all’interno dei locali deposito bevande dovute alla presenza di sporco diffuso sulle superfici. Nell’area di vendita è stata rilevata la presenza di bevande ed imballaggi alimentari a diretto contatto con il pavimento. Nei confronti del titolare dell’attività è stata emessa una diffida volta a ripristinare idonee condizioni igienico sanitarie.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank