Fallimento Piacenza Calcio, seconda udienza con Riccardi imputato: sotto la lente l’attività di scouting

auto pirata

Fallimento del Piacenza Calcio nel 2012. Seconda udienza nel processo che vede imputato Maurizio Riccardi, all’epoca dei fatti amministratore delegato del club, insieme a Giuseppe Galli e Antonino Imborgia, procuratori. Secondo la tesi dell’accusa, rappresentata dal pm Antonio Colonna, i tre avrebbero emesso fatturazioni per prestazioni mai eseguite, con lo scopo di sottrarre denaro alla società.

Nel corso del tempo sarebbero riusciti a impossessarsi di 1 milione e 370 mila euro. In questo senso, sotto la lente degli inquirenti sarebbero finite alcune schede compilate dai due procuratori in fase di scouting: schede inerenti calciatori tenuti d’occhio dai procuratori ma mai messi effettivamente sotto contratto. Fino a qui non ci sarebbe nulla di strano, in realtà: il punto è che tra i giocatori attenzionati dal club biancorosso rientravano anche atleti considerati “fuori portata”.

blank

Franco Spezia, curatore fallimentare dopo la debacle del club biancorosso, ha portato l’esempio di Angel Fabian Di Maria e Federico Fazio, quest’ultimo campione del mondo argentino con la Nazionale under 20. Giocatori evidentemente fuori portata per un Piacenza che in quel periodo non godeva certo di buona salute finanziaria: il sospetto è che i procuratori compilassero schede solo per giustificare un’attività di osservazione in realtà mai svolta.

Radio Sound

Radio Sound, il Ritmo che Piace, il Ritmo di Piacenza

blank blank App Galley blank