Gettano un gatto dal balcone e postano il video sui social, due giovani nei guai

sdr
Piacenza 24 WhatsApp

Gettano un gatto dal balcone e postano il video dell’impresa sui social network. Piacenza fa parlare di sé all’estero, ma questa volta per un episodio vergognoso. I protagonisti, infatti, sono alcuni ragazzini piacentini, in vacanza in Grecia. Il video mostra un giovane intento a tenere per le zampe posteriori un gattino, lasciandolo dondolare oltre la ringhiera di un terrazzo. A un certo punto, incitato dagli amici, il soggetto lancia l’animale oltre il parapetto e il micio scompare nel buio della notte.

Il video ha iniziato ben presto a suscitare lo sdegno degli utenti. Alcuni di questi hanno, però, riconosciuto il protagonista della clip e nel luglio scorso hanno segnalato il tutto al Nucleo Guardie Zoofile Enpa di Piacenza.

“Ci siamo attivati per risalire all’identità del ragazzo che ha commesso l’atto e di chi ha filmato e di seguito “postato” il video sul proprio account Instagram; accertati quindi le generalità abbiamo contattato i ragazzi, i quali si sono dimostrati collaborativi e si sono presentati negli uffici delle Guardie Zoofile accompagnati dai loro legali”.

Le indagini di Enpa

“Abbiamo accertato che il fatto è avvenuto in Grecia in una piccola isola. Essendo avvenuto al di fuori dello Stato Italiano, abbiamo contattato ed avviato un dialogo con l’ambasciata Greca con sede a Roma; dopo aver esposto l’accaduto ci è stata data piena disponibilità alla ricezione della documentazione raccolta. Ora sarà l’Ufficio Legale di Enpa Nazionale ad occuparsi della consegna fisica dei documenti raccolti”. Così spiega il Capo Nucleo delle Guardie Enpa Piacenza Bravaccini.

“Nella città di Piacenza questo fatto ha provocato parecchia indignazione e rabbia da parte dei cittadini; il video è molto crudo, non ha senso accanirsi su un animale per svago e grezzo divertimento; Enpa ha subito disposto, avviato e concluso delle indagini. Non ci aspettiamo dei risultati eclatanti, ma sicuramente dare un forte segnale di intolleranza verso questi atti di crudeltà.

“Ci aspettiamo che portare a termine il nostro iter e darne il giusto risalto porti parecchie persone a riflettere attentamente sulle conseguenze di azioni così aberranti e meschine; infierire su un animale indifeso, solo per acchiappare qualche like sui social, oppure per noia”.

Radio Sound
blank blank