Imu, entro il 16 giugno versamento dell’acconto 2023: Confedilizia e Banca di Piacenza insieme per informare i cittadini

blank
Piacenza 24 WhatsApp

In vista della scadenza di venerdì 16 giugno p.v., ultimo giorno per effettuare il pagamento dell’acconto dell’Imu dovuta per il 2023, la Confedilizia di Piacenza, in collaborazione con la Banca di Piacenza (che, oltre ad aver pubblicato l’apposita informativa sul proprio sito, www.bancadipiacenza.it, mette a disposizione i propri sportelli per i pagamenti), diffonde una  specifica guida con tutte le istruzioni sul tributo (base imponibile, aliquote, come e quando si paga, ecc..) e un prospetto con le principali aliquote fissate dal Comune di Piacenza.

Confedilizia e Banca di Piacenza fanno presente che entro il prossimo 30 giugno va presentata, nei casi previsti dalla legge (per esempio in caso di comodato a parenti di 1° grado per usufruire della riduzione del 50% alla presenza di tutti i requisiti necessari), la dichiarazione Imu per le comunicazioni inerenti all’anno 2022 e all’anno 2021.

Ricordano inoltre che con la sentenza n. 209 del 13.10.2022 la Corte costituzionale ha stabilito che, indipendentemente dal nucleo familiare, l’esenzione Imu per l’abitazione principale spetta sempre al possessore, soggetto passivo d’imposta, che risieda anagraficamente nell’immobile e vi dimori abitualmente. Con la sentenza summenzionata è stata dichiarata incostituzionale anche la norma – nata per contrastare l’ultimo orientamento della Corte di Cassazione sul tema – che disciplinava il caso degli immobili posseduti dai coniugi (o dai componenti l’unione civile) in Comuni diversi (art. 1, comma 741, lettera b), secondo periodo, l. n. 160/2019, come modificato dall’art. 5-decies, comma 1, del d.l. n. 146 /2021). In definitiva ora l’esenzione Imu per l’immobile in cui il contribuente ha la residenza anagrafica e la dimora abituale spetta a prescindere dal luogo di residenza degli altri componenti del nucleo familiare, per cui in occasione dell’imminente scadenza del 16 giugno 2023 – come già peraltro era stato per il saldo di dicembre 2022 – si dovrà tenere conto di tali nuovi criteri fissati dalla sentenza della Consulta.

Presso la sede della Confedilizia di Piacenza (Via Del Tempio 27-29 – Piazzetta della Prefettura, tel. 0523.327273. Uffici aperti tutti i giorni dalle 9.00 alle 12.00, lunedì, mercoledì e venerdì anche dalle 16.00 alle 18.00; e-mail: info@confediliziapiacenza.it; sito Internet: www.confediliziapiacenza.it) è istituito un apposito servizio di assistenza e consulenza per il pagamento del tributo. In particolare, gli uffici dell’Associazione forniranno informazioni sulle aliquote e le detrazioni dei vari Comuni, effettueranno il calcolo delle imposte dovute e daranno supporto nella compilazione dei modelli di versamento.

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank