“In viaggio con Adele”, opera prima di Capitani al Bobbio Film Festival. Il regista: “Così abbiamo indagato il tema della diversità”

“In viaggio con Adele”, opera prima di Capitani al Bobbio Film Festival

“In viaggio con Adele”, opera prima di Capitani al Bobbio Film Festival. Il regista: “Così abbiamo indagato il tema della diversità”

Una commedia dolce, intelligente e divertente, sul tema della diversità: è stato “In viaggio con Adele” il film protagonista della decima serata, ieri, del Bobbio Film Festival.

Ospiti il regista Alessandro Capitani e la protagonista Sara Serraiocco che, nel dibattito conclusivo moderato da Anton Giulio Mancino, hanno portato alla luce, stimolati dalle domande del pubblico, aspetti particolari e curiosità sulla pellicola.

“In viaggio con Adele”, opera prima di Capitani al Bobbio Film Festival

La storia è quella di Adele, una ragazza non come le altre. Niente tabù o inibizioni. Veste con un pigiama rosa e orecchie da coniglio. Ed è sempre con il suo gatto immaginario. In giro sparge post-it con i nomi di quel che vede attorno. Aldo (interpretato da Alessadro Haber), un attore teatrale cinico e sul viale del tramonto, scopra all’improvviso di essere suo padre. Dirglielo o liberarsi della ragazza?

Il regista: “Così abbiamo indagato il tema della diversità”

“Il mio primo colloquio per questo film? In collegamento con Alessandro via Skype da Los Angeles, in pigiama – ha raccontato Sara. “Quando l’ho vista, è stata una specie di ‘epifania’ – ha poi sottolineato il regista, alla sua opera prima con questa pellicola – Avevamo proprio pensato al pigiama e vederla così mi ha fatto pensare: secondo me è lei la nostra Adele. Poi tornata in Italia ha fatto il provino vero e proprio: è stata bravissima, e così l’abbiamo scelta”. La pellicola indaga il particolare rapporto tra padre e figlia ma, come accennato, anche il tema della diversità. “Per Adele ci siamo ispirati alla sindrome di Asperger, coinvolgendo ragazzi, quelli che avete visto nella casa famiglia, che hanno veramente questa sindrome – ha spiegato Capitani – “Abbiamo indagato il mondo della diversità e soprattutto della percezione del ‘diverso’, capovolgendo ad un certo punto ciò che è considerato normale. Aldo, alias Haber, il padre di Adele, diventa quello ‘strano’, mentre Adele, apparentemente quella più stramba, senza peli sulla lingua, ci appare alla fine come una figura che dice delle verità eccezionali, ‘sane’. La normalità è insomma una percezione, una questione di schemi”. 

Stasera la corsa del Bobbio Film Festival prosegue alle ore 21.15: appuntamento al Chiostro di San Colombano con “Gelsomina Verde”. Una storia vera, nota alle cronache, quella della ventiduenne di Scampia dedita al volontariato, torturata per ore e infine uccisa con un colpo di pistola nel 2004. Il suo corpo venne dato alle fiamme all’interno dell’auto essendo stata per un breve periodo la ragazza di Gennaro Notturno, membro del clan degli “scissionisti”di Secondigliano. Ospiti della serata il regista Massimiliano Pacifico e il produttore Gianluca Arcopinto.