Una montagna di talento: le imprese femminili fanno rete per crescere e far crescere i territori

blank
Piacenza 24 WhatsApp

Siamo giunti alla fase finale del percorso avviato lo scorso mese di novembre che ha visto il Comitato per la promozione dell’imprenditorialità femminile impegnato nelle vallate della provincia, insieme ad imprenditrici e libere professioniste. Val Nure, Val d’Arda, Val Trebbia e Val Tidone al centro del nuovo progetto che il Comitato ha realizzato su proposta del Commissario straordinario Filippo Cella che ha saputo individuare due fattori determinanti per lo sviluppo locale: aree interne e imprenditoria femminile.

Il progetto

La presidente del Comitato Federica Bussandri ribadisce che“ Questo progetto ci ha viste impegnate nelle zone interne, ci siamo recate sul posto e abbiamo puntato sulla cooperazione tra imprese femminili mettendo a fattor comune lo sviluppo economico e individuando  talenti, idee innovative e anche tradizioni senza dimenticare gli aspetti critici su cui lavorare per migliorare”. La Bussandri ha inoltre ringraziato i sindaci dei comuni montani e delle aree interne per avere creduto nel progetto, per aver dato la loro collaborazione e disponibilità nella diffusione dell’iniziativa, oltre ad avere messo a disposizione le aule per consentire lo svolgimento del percorso nelle singole vallate.

“Il Comitato desidera manifestare un grande ringraziamento – ha proseguito Federica Bussandri – anche alle associazioni di categoria che sin da subito hanno manifestato grande interesse per la nostra idea progettuale, l’anno diffusa tra le loro imprenditrici e hanno partecipato agli incontri”.

Il percorso formativo, realizzato in ogni vallata, ha consentito alle imprenditrici di conoscersi, analizzare i rispettivi punti di forza e di debolezza, acquisire quegli strumenti necessari per lavorare in gruppo, per creare reti favorendo concrete collaborazioni in vista del raggiungimento di obiettivi comuni. I formatori hanno quindi saputo trasferire alle imprenditrici tutte le nozioni e le conoscenze necessarie per creare dei progetti concreti. Gli incontri sono infatti proseguiti in autonomia e le imprenditrici hanno saputo creare, con grande entusiasmo ed operosità, un progetto per ogni valle d’appartenenza.

L’evento al PalabancaEventi

Al palabancaEventi, gentilmente concesso dalla Banca di Piacenza, le imprese femminili di ogni valle hanno espresso e presentato la loro idea di sviluppo, non solo imprenditoriale ma anche sociale e di potenziamento dell’intera vallata. Un video realizzato dalla società Brainfarm, presentato nel corso dell’evento, ha saputo ripercorrere tutti i momenti significativi del percorso formativo, lasciando emergere l’efficacia del lavoro svolto, l’impegno delle imprenditrici e l’entusiasmo dei formatori.

I dati sulle imprese femminili

Al 31 dicembre 2022 le imprese femminili risultano essere 6.255, mentre nel 2021 erano 6.249 e 6.250 nel 2020. Accanto ad una flessione ormai costante nel settore agricolo (1.009 imprese nel 2022 rispetto alle 1.032 del 2021) e nel settore del commercio (1.554 nel 2022, contro le 1.592 del 2021), si registra un incremento delle imprese femminili nell’ambito delle attività professionali, scientifiche e tecniche che passano dalle 181 del 2021 alle 201 attuali. Leggero aumento anche nel settore dei servizi di alloggio e ristorazione che raggiunge le 782 unità, dopo una flessione che aveva caratterizzato lo scorso anno. Incoraggiante è l’incremento, se pur contenuto, nelle attività manifatturiere che raggiungono le 401 unità.

Dal raffronto con i territori limitrofi si può notare come a Piacenza sia maggiore l’incidenza delle imprese femminili rispetto al totale delle imprese registrate. Il 21,5% a Piacenza, il 20,7% a Parma, il 18,6% a Reggio Emilia ed il 19,7 a Lodi.

Soffermandosi sulla forma giuridica, risultano predominanti le ditte individuali (4.067) e a seguire le società di capitali (1.265) che registrano un tasso di crescita del 4,03%.

Il 19,72% delle imprese femminili sono artigiane, mentre il 14,15% è guidato da imprese straniere ed infine il 9,37% da giovani.

Iscriviti per rimanere aggiornato!

Compilando i campi seguenti potrai ricevere le notizie direttamente sulla tua mail. Per garantire che tu riceva solo le informazioni più rilevanti, ti chiediamo gentilmente di mantenere aggiornati i tuoi dati.

Radio Sound
blank blank